Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Muos, ancora blocchi e fermi di polizia
Gli attivisti: «Nuovo governo, vecchi metodi»

Momenti di tensione anche questa mattina a Niscemi. L'area attorno alla base statunitense in cui sono in costruzione le antenne militari satellitari è stata trincerata per permettere il passaggio di un convoglio composto da uomini e mezzi. I manifestanti hanno fatto scudo della zona con i propri corpi ma, raccontano, sono stati spostati di peso, fermati e identificati. «Con il consueto zelo cui ci aveva abituato la ministra Annamaria Cancellieri», denunciano gli attivisti. Guarda le foto

Desirée Miranda

Cambia il governo nazionale, che ha giurato ieri, ma a quanto pare non le direttive nei confronti degli attivisti contro la costruzione del Muos a Niscemi. «Anche oggi, lunedì 29 aprile, con il consueto zelo cui ci aveva abituato la ministra Annamaria Cancellieri, le forze di polizia hanno bloccato per alcune ore le contrade Apa e Ulmo di Niscemi. E come di consueto la mobilità nell'area è stata possibile solo a piedi e previa identificazione di ciascun passante», scrivono gli attivisti in un comunicato ufficiale.

Continua dunque la tensione nel territorio che circoscrive la base statunitense in cui sono già presenti e funzionanti oltre 40 antenne e in cui si sta predisponendo tutto per l’entrata in funzione del Muos, l'impianto militare di antenne satellitari motivo di tante manifestazioni di protesta. Il dispiegamento di forze di oggi, a detta degli attivisti, aveva ancora uno volta lo scopo di «permettere il passaggio a un convoglio composto da numerosi mezzi e uomini, per raggiungere la base NRTF (Naval radio transmitter facilty) dove continua la costruzione, pardon, la predisposizione del Muos», ironizzano. Giocando con le parole su una revoca alle autorizzazioni da parte del governo regionale mai rispettata.

Come è accaduto sempre più spesso nelle ultime settimane, le forze dell’ordine dispiegate lungo il percorso hanno cercato di impedire il passaggio dei manifestanti. Ma «decine e decine di mamme, nonni e attivisti che stazionavano lungo la strada sin dalle prime ore del giorno si sono opposti al passaggio con la semplice e pacifica presenza dei propri corpi o stendendosi per terra», sottolineano i No Muos.

Dopo qualche minuto di tensione, la loro resistenza è però stata vinta. «Le persone spostate di peso con la consueta grazia dalle solite mani, guantate e non - raccontano la scena gli attivisti - Per essere poi piantonate da numerosi agenti per persona durante il transito del convoglio». Non solo. Molti sarebbero i manifestanti fermati e identificati in quella che i No Muos definiscono «una catena di montaggio della repressione governativa in continuità con il precedente esecutivo».

Alcune mamme avrebbero cercato il dialogo con gli uomini dei reparti antisommossa e con i loro dirigenti, ma il risultato ottenuto non sembra essere quello sperato. «Non proprio un dialogo fra sordi, ma che ottiene, al più, le solite risposte: “Ci dispiace, davvero, abbiamo famiglia pure noi, ma questi sono gli ordini” - lo definiscono i manifestanti - Ogni tanto, seppur più raro, anche “Prendetevela con il governo”. Già gli ordini. Governo nuovo, azioni di sempre», concludono.

[Foto di No Muos]

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×