Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Giornata mondiale contro il cancro, l'allarme della Lilt
«Nel 2020 un milione e mezzo di screening in meno»

L'evento quest'anno spegne le sue prime venti candeline. In Italia, nonostante i risultati sul fronte delle guarigioni, complice la pandemia, c'è stato un crollo dei controlli. Scalisi, della lega etnea: «Le diagnosi precoci hanno permesso a molti di guarire»

Carmelo Lombardo

I’am, I will (Io sono, io farò) è lo slogan che è stato scelto per il triennio 2019-2021 dall’Unione internazionale contro il Cancro. Una espressione concisa che mira a esortare alla prevenzione. Come da vent’anni a questa parte, ricorre la giornata dedicata alla lotta contro il cancro: un’occasione in più per ribadire questi concetti. Perché, nonostante da un anno a questa parte il mondo debba fare i conti con la pandemia da Covid 19, il cancro esiste ancora, ma fortunatamente non è più quel male incurabile di qualche decennio fa. 

Col tempo alcune tipologie oncologiche sono state guarite o tenute sotto controllo attraverso screening ed esami. Trattamenti che però, con il Covid 19, sono andanti diminuendo drasticamente nell’ultimo anno. Aurora Scalisi, specialista in Oncologia e Ginecologia presso l’Asp di Catania, sottolinea i risultati importanti di questi anni. «Rispetto al resto d’Europa, l’Italia è il Paese con più sopravvivenza dei malati dopo il quinto anno dalla diagnosi, con più prospettive di guarigione – continua - Nel 2020 però si rischia di vanificare questo dato perché abbiamo effettuato meno screening». 

Mentre si è dovuto fronteggiare il Covid, infatti, dall’altro lato si sono effettuati 18 milioni di esami clinici generali in meno. Per quanto riguarda le malattie oncologiche, nel 2020 sono stati effettuati stati 1 milione e mezzo di screening in meno rispetto all’anno precedente di esami al colon retto, mammella e utero. «Tutto questo si traduce con diagnosi precoci non riscontrate, con conseguenze sulle prognosi e perfino sulla spesa sanitaria – continua la dottoressa -, andando sicuramente a intaccare il dato della sopravvivenza dei malati». 

Scalisi è anche presidente della Lilt (Lega italiana per la lotta ai tumori) di Catania. La lega conta 106 associazioni su tutto il territorio nazionale, compresa la sede etnea di Belpasso, dove è possibile ricevere una visita senologica, un consulto psicologico o un consiglio medico. Per una visita ambulatoriale, è possibile rivolgersi agli ambulatori dell’ospedale Garibaldi di Catania. Secondo Scalisi il prossimo passo sarà quello di potenziare la rete territoriale. 

«Sono necessari dei presidi nei singoli territori, dove il medico può consigliare e visitare il malato anche attraverso video o telefono - osserva - Come associazione siamo stati coinvolti in un progetto che prende in carica i cancer survivor, i sopravvissuti dopo cinque anni dalla malattia. Spesso i medici di base si ritrovano con pazienti che per cinque anni sono stati seguiti dall’oncologo. Ci sono pazienti che hanno bisogno di normali controlli o di aiuti durante la chemio: dobbiamo pensare a loro». 

Rimane ancora molto da fare sul fronte della prevenzione. Dando uno sguardo agli ultimi dati, le donne sono più attente e sensibili riguardo ad alcuni esami di controllo, sebbene rimanga importante la differenza tra Nord e Sud, dove «le donne che si sottopongono allo screening sono ancora in meno rispetto a quelle del Nord: alcune non si fidano del tutto - conclude Scalisi - Mentre buona parte degli uomini continuano ad essere restii ad ecografie ed esami alla prostata. Naturalmente una massiccia prevenzione per alcune forme tumorali aumenterebbe in maniera importante le possibilità di una guarigione, oltre a convivere meglio con la malattia».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×