Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Motta, discarica chiusa e raccolta a rilento
Annunciata una manifestazione cittadina

La Oikos spa ha dichiarato l'esaurimento dell'impianto in contrada Tiritì. Fino a mercoledì prossimo gli 88 comuni isolani potranno conferire nell'impianto catanese della Sicula trasporti, ma non si sa ancora cosa accadrà dopo. «E' una sorta di minaccia-ricatto alla Regione», denuncia il consigliere comunale del Pd mottese Danilo Festa. Una maniera per forzare la mano e far partire subito l'iter per l'apertura del sito in contrada Valanghe d'inverno contro il quale da tempo si battono gli abitanti. Che intanto devono vivere con cumuli di spazzatura per le strade. Guarda le foto

Carmen Valisano

Si scalda il fronte della gestione dei rifiuti nell'hinterland catanese. Al centro della contesa c'è sempre l'allargamento della discarica di proprietà della Oikos spa in contrada Valanghe d'inverno. Nella guerra a colpi di ricorsi e udienze all'Assemblea regionale, è arrivata la notizia da tempo attesa: la vasca della contigua contrada Tiritì è ormai colma; quello che per un lungo periodo è stato sfruttato anche come sito emergenziale da vari comuni isolani non può più ospitare altri rifiuti. «L'avevano preannunciato un anno e mezzo fa, ma hanno sempre rimandato», spiega Danilo Festa, consigliere comunale del Partito democratico mottese e tra i più attivi oppositori dell'ingrandimento dell'impianto. «Hanno inviato una lettera alla Regione e per conoscenza l'hanno inoltrata ai comuni che conferiscono nella discarica di contrada Tiritì - continua - E' una sorta di minaccia-ricatto alla Regione». Una maniera per forzare la mano affinché si sblocchi l'impasse e si dia il via libera al conferimento nelle tre nuove vasche da 2,5 milioni di metri cubi.

«Fino all'8 maggio c'è l'autorizzazione a utilizzare la discarica della Sicula trasporti», afferma Festa. La decisione è stata presa in maniera urgente dall'assessorato regionale all'Ecologia, ma il nodo da sciogliere riguarda cosa accadrà dopo. A rischio c'è la gestione dei rifiuti di ben 88 Comuni, dal Catanese alle provincie di Messina e Caltanissetta. Per non parlare della gestione di eventuali emergenze, come quella della scorsa estate che ha riguardato l'impianto di Bellolampo, a Palermo. Sulla Oikos pende anche un'altra questione importante, il sequestro in via preventiva e urgente di parte del sito che gestisce disposto dalla Procura di Catania meno di un mese fa. L'ipotesi di reato è quella di danno ambientale: il percolato, non trattato secondo le norme regionali vigenti, si sarebbe infiltrato nel terreno per poi raggiungere i torrenti della zona.

Se per un verso la chiusura della discarica di contrada Tiritì può essere considerata un bene, dall'altro l'incertezza comincia ad avere degli effetti sui cittadini. A Motta Sant'Anastasia, dove funziona un sistema di raccolta porta a porta, il turno della frazione indifferenziata è praticamente saltato. Ritirati regolarmente i sacchetti contenenti l'organico ieri e quelli con la plastica oggi, da più di 36 ore sacchi neri di varie grandezze giacciono su marciapiedi e nelle inferriate di numerose abitazioni, in centro come in periferia. «Dovrebbero essere raccolti nel turno di giovedì», spiega frettolosamente un operatore ecologico che imputa il disservizio proprio alla chiusura della discarica. «Ma non potrebbero farlo, devono raccogliere, c'è un'autorizzazione a conferire», puntualizza Danilo Festa.

Guarda le altre foto su Flickr

Intanto per sabato 11 è prevista una nuova manifestazione congiunta degli abitanti di Motta e Misterbianco. Le richieste sono le solite: stop all'ampliamento, bonifica del sito di contrada Tiritì, delocalizzazione e controllo della qualità dell'aria e dell'acqua della valle del fiume Sieli nel quale l'impianto si trova. Qualche giorno dopo, più tardi del previsto, sarà la volta della discussione del tema anche all'Ars. La questione ha subito uno slittamento dovuto all'iter di approvazione del bilancio.

 

[Foto di Andrea Maria Valisano]

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.