Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Speziale torna libero, festa ultras del Catania sotto casa
Cori, fumogeni e striscioni. «Bentornato tra la tua gente»

I tifosi etnei si sono dati appuntamento oggi pomeriggio a San Cristoforo per riabbracciare il tifoso condannato per l'omicidio dell'ispettore capo di polizia Filippo Raciti, morto dopo gli scontri del derby Catania-Palermo del 2007. Guarda il video

Cori, fumogeni e striscioni per sottolineare quello che hanno sempre considerato un clamoroso errore giudiziario. Gli ultras del Calcio Catania si sono dati appuntamento a metà pomeriggio sotto casa di Antonino Speziale nel quartiere San Cristoforo. Obiettivo: festeggiare il tifoso rossazzurro, uscito dal carcere per fine pena dopo la condanna a otto anni e otto mesi per l'omicidio dell'ispettore di polizia Filippo Raciti, morto negli scontri del derby Catania-Palermo del febbraio 2007. Speziale, 31 anni, è arrivato in città già questa mattina. Pacche e strette di mano con gli amici del quartiere e l'abbraccio con genitori e nipoti. 

A partire dalle 16 è toccato ai tifosi etnei. Prima qualche birra in un bar centro scommesse sotto casa e poi i fumogeni rossazzurri, il traffico in tilt per circa dieci minuti e tanti cori. Uno di questi ha rimarcato il fatto che Speziale è da sempre considerato dai supporter etnei come un capro espiatorio per la morte di Raciti. «La mia condanna è stata un’ingiustizia e chi ha sbagliato pagherà con la giustizia», sono state le prime parole del 31enne all'uscita dal carcere di Messina questa mattina. Di lui si è recentemente occupato il programma televisivo Le Iene, con alcuni servizi e testimonianze esclusive.

Speziale è assistito dall'inizio della vicenda dall'avvocato Giuseppe Lipera. Lo stesso aveva più volte chiesto di anticipare l'uscita dal carcere con la concessione degli arresti domiciliari, ma la richiesta è stata sempre respinta. Insieme al tifoso etneo per l'omicidio Raciti è stato condannato anche Daniele Micale. Quest'ultimo, condannato a 11 anni e all'epoca dei fatti maggiorenne, dalla fine del 2018 è in libertà. Entrambi, secondo l'accusa e le sentenze, lanciarono un sotto lavello che colpì mortalmente Raciti dopo averlo raggiunto al fegato.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×