Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Droga Albania-Sicilia, arriva il verdetto in Appello
Confermata la pena per il cugino dell'ex ministro

Alla sbarra Moisi Habilaj, ritenuto un grosso narcotrafficante con legami di spessore in Sicilia orientale. Dietro la sua vicenda una spy story internazionale. Il blitz Rosa dei venti, condotto dalla guardia di finanza, scattò a ottobre 2017

Dario De Luca

«Confermata la sentenza impugnata e condanna Moisi Habilaj». Per il narcotrafficante albanese i giudici della terza sezione della corte d'Appello di Catania hanno scelto di non modificare il primo verdetto e non fare nessuno sconto: 15 anni, 5 mesi e 10 giorni come disposto il 19 giugno del 2019. Habilaj nel processo di primo grado aveva deciso di parlare con i magistrati per ammettere alcune accuse e rimandare al mittente ogni possibile coinvolgimento del cugino nel traffico di droga, l'ex ministro degli Interni albanese Saimir Tahiri. Il tutto nonostante diverse intercettazioni, finite negli atti dell'inchiesta Rosa dei venti svelate in anteprima da MeridioNews, in cui gli indagati avrebbero più volte fatto riferimento al politico. 

Tahiri è stato pure indagato dalla procura di Catania ma il fascicolo si è chiuso con una richiesta di archiviazione poi accolta dalla giudice Loredana Pezzino. La banda di trafficanti, che avrebbe avuto in Habilaj il vertice, faceva la spola tra Albania e Sicilia per importare nell'Isola grossi quantitativi di marijuana ma anche armi da guerra. Tutto sarebbe stato possibile grazie a una rete di grossisti sul territorio con rapporti diretti con i principali clan mafiosi locali.

La banda avrebbe goduto di coperture istituzionali anche in patria, specie negli ambienti delle forze dell'ordine. «Se vieni in Albania - diceva Habilaj - ti rendi conto che la polizia è corrotta. A volte è il capo stesso ad aiutarci a caricare i sacchi». Rivelazioni che, dopo l'inchiesta in Italia, hanno portato all'apertura di alcuni fascicoli d'inchiesta nello Stato balcanico. 

Nel processo d'appello, i giudici hanno deciso di confermare la sentenza anche nei confronti di Antonino Riela, in primo grado condannato a 14 anni e otto mesi. Angelo Busacca passa, invece, da sette anni e quattro mesi a sei anni e dieci mesi di reclusione. Sconti anche per Maridiam Sulaj e Nezar Seiti, al primo è stata inflitta una condanna a otto anni mentre al secondo, ritenuto il cassiere dell'organizzazione ed estradato in Italia dopo essere stato arrestato in Albania dalla polizia locale, sei anni e otto mesi. In Appello sono nove gli anni comminati a Vincenzo Spampinato. A Gianluca Passavanti due anni e otto mesi. Per Rosario Giuliano e Giuseppe Greco un anno e dieci mesi. 

Moisi Habilaj dalla fine di maggio ha lasciato il carcere, dopo avere trascorso dietro le sbarre 954 giorni. Da alcuni mesi, il narcotrafficante è in detenzione domiciliare nella casa di un cugino nel territorio di San Michele di Ganzaria, in provincia di Catania. I giudici, durante la prima udienza del processo d'Appello, avevano infatti accolto la richiesta dei suoi legali, gli avvocati Francesco Strano Tagliareni e Maria Caterina Caltabiano.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×