Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Ex mulino Santa Lucia, assolti gli imputati
Dissequestrato l'edificio dopo quattro anni

La terza sezione penale del Tribunale di Catania ha assolto i cinque imputati, dirigenti di azienda e funzionari del Comune, nel processo per la presunta speculazione edilizia all'ex mulino di via Cristoforo Colombo. La Procura aveva chiesto la condanna per lottizzazione abusiva e abuso d'ufficio, ma per i giudici il fatto non sussiste. Disposto anche il dissequestro dell'immobile, sotto sequestro dal 2009

Salvo Catalano

Sono stati assolti perché il fatto non sussiste i cinque imputati del processo per la presunta speculazione edilizia all'ex mulino Santa Lucia di via Cristoforo Colombo a Catania, che è stato dissequestrato. Si tratta di Giovanni Cervi, amministratore della Grand Hotel Bellini, primo proprietario e committente dei lavori di ristrutturazione; Maurizio Pennisi, amministratore della Italgestioni Edilizie, società subentrata come proprietaria; Giovanni Beneduci, amministratore dell’Acqua Marcia Holding (in seguito incorporata dalla Acqua Pia Antica Marcia S.p.A amministrata da Bellavista Caltagirone); Vito Padalino, ex dirigente della direzione Urbanistica e Gestione del territorio, e l’avvocato Mario Arena, componente della Commissione edilizia e del Collegio della difesa. 

Quattro anni dopo l'applicazione del sequestro preventivo e a tre anni dall'avvio del processo, è arrivata intorno alle 14 di oggi la sentenza di primo grado. L'accusa, formata dai pubblici ministeri Antonio Fanara e Andrea Ursino, aveva chiesto la condanna di Beneduci (2 anni di reclusione), Cervi e Pennesi (1 anno e 8 mesi) per i reati di lottizzazione abusiva e violazione del codice della navigazione, in particolare della distanza di costruzione dal demanio marittimo. Chiesta la condanna per abuso d'ufficio, invece, dei due funzionari del Comune di Catania: Padalino e Arena, i controllori che, secondo i pm, non avrebbero controllato e che, anzi, avrebbero concesso pareri sul cambio di destinazione d'uso dell'immobile contrari alla legge. Ma in questa storia era chiamato in causa un altro nome importante: Francesco Bellavista Caltagirone, amministratore della società Acqua Pia Antica Marcia, attuale unica proprietaria dei due edifici di via Cristoforo Colombo. L'imprenditore è tornato recentemente in carcere a seguito dell'indagine sulla costruzione del porto turistico di Fiumicino.

Sono stati due i temi su cui accusa e difesa si sono confrontati durante il processo: il cambio di destinazione d'uso con la richiesta di concessioni edilizie per la ristrutturazione e l'aumento di volumetria della struttura. Secondo i pm il passaggio da opificio, quindi deposito, a centro direzionale e commerciale con garage, uffici e negozi avrebbe non solo ha cambiato il tessuto urbanistico ma avrebbe anche inciso sull'assetto della zona. Accusa respinta dalla difesa secondo cui l'ex mulino svolgeva già una funzione commerciale, quindi non ci sarebbe stato nessun cambio di destinazione d'uso, anche perché - aggiungeva Arena, imputato nel processo e funzionario del Comune - entrambe le funzioni (quella dell'ex mulino e quella del futuro centro direzionale) sarebbero rientrate nella grande categoria delle attività produttive. Nel piano regolatore del 1969, inoltre, al posto del vecchio mulino era prevista la realizzazione di una strada. Fanara e Ursino accusavano poi gli imputati di aver riedificato aumentando di 6mila metri cubi l'edificio di via Cristoforo Colombo. Tesi che era stata confutata dai consulenti della difesa.

I giudici della terza sezione penale del tribunale di Catania hanno dunque respinto la tesi della Procura etnea. Dopo la sentenza di assoluzione per vicenda dei parcheggi, rimasti sotto sequestro per diversi anni, con la sentenza di oggi torna a disposizione della società Acqua Pia Antica Marcia l'ex mulino Santa Lucia, sotto sigilli dal 2009.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×