Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

M5s, istituito il fondo per il microcredito
Per le imprese ancora 90 giorni di attesa

La Finanziaria approvata nei giorni scorsi a Palermo ha istituito lo speciale fondo nel quale confluirà la parte di indennità superiore ai 2500 euro dei deputati grillini e che dispone già di un milione e mezzo di euro stanziati dalla Regione. Ma le aziende che intendono attingervi dovranno ancora aspettare: resta da decidere chi e come potrà usufruirne e quale istituto di credito lo gestirà. «Vogliamo imprese con meno di dieci dipendenti e un tasso d'interesse che non superi l'1,5 per cento», spiega il parlamentare Cinque stelle Salvatore Siragusa

Salvo Catalano

Era uno degli obiettivi del programma elettorale del Movimento cinque stelle siciliano: restituire la parte di indennità parlamentare superiore ai 2.500 euro. Sul come farlo si è discusso per mesi. Alla fine si è deciso per la creazione di un fondo destinato al microcredito delle piccole imprese. Ma fino ad ora i soldi messi da parte dai 15 deputati grillini all'Ars, circa 350mila euro, sono rimasti congelati. Da qualche giorno, con la travagliata approvazione del bilancio e della finanziaria regionale del 2013, il fondo è stato istituito per legge. Ma gli imprenditori che vi vorranno attingere dovranno ancora aspettare. «Speriamo fino all'inizio dell'estate, al massimo fino ai primi di settembre», precisa Salvatore Siragusa, deputato del M5s.

Perché da adesso scattano i 90 giorni entro i quali l'assessorato al Bilancio dovrà scrivere il regolamento attuativo, cioè chi e come potrà usufruire del fondo, quale istituto di credito lo gestirà e con quali criteri. In finanziaria il governo regionale ha investito un milione e mezzo di euro sul fondo. A questo va aggiunta la somma fino ad ora accumulata dai deputati grillini e quella restante che da qua a fine anno i 15 parlamentari devolveranno. «In totale potremmo arrivare a due milioni di euro - spiega Siragusa - noi avevamo chiesto di più alla giunta Crocetta, ma siamo realisti, quindi ci riteniamo abbastanza soddisfatti».

Facendo dei rapidi conti, potenzialmente le aziende che verrebbero beneficiate da un prestito potrebbero essere 250. «Se valutiamo che un prestito medio sarà sui 10mila euro e quello massimo non potrà superare i 20mila, si arriva a 250, un buon numero», aggiunge il grillino. Secondo le intenzioni dei Cinque stelle, potranno chiedere un finanziamento le imprese con un numero di dipendenti inferiore a 10 e con un fatturato annuo che non superi i due milioni di euro. «E' la definizione ufficiale di impresa più semplice che abbiamo trovato, la stabilisce una direttiva dell'Unione europea», aggiunge Siragusa.

Resta da capire chi gestirà il fondo, se una banca o una società partecipata dalla Regione, quali saranno i precisi criteri di accesso e quale tasso d'interesse verrà applicato. «Noi preferiamo Banca etica - sottolinea Siragusa - perché, a differenza di altri istituti di credito, crede in questi progetti e potrebbe investire anche una sua quota parte nel fondo. Sicuramente non accetteremo tassi d'interesse superiori al 1-1,5 per cento, altrimenti diventerebbero normali finanziamenti». Ai grillini adesso non resta che un'attività esterna di vigilanza e di controllo sul lavoro dell'assessorato.

In futuro il fondo si autoalimenterà, sia con la parte di indennità che i deputati del Movimento cinque stelle continueranno a devolvere sia con la restituzione dei prestiti da parte degli imprenditori.

[Foto di Vikingo's pub]

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews