Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Calcio Catania, fine anno sognando la cessione
Ma la partita sulle condizioni è ancora aperta

L'annuncio del presidente di Sigi spa Giovanni Ferraù sembrava avere scritto la parola fine sulla lunga trattiva per la vendita del club rossazzurro. Ma la storia potrebbe ancora avere una appendice, a cominciare dalla riunione di soci e sottoscrittori il 5 gennaio

Claudia Campese

Foto di: Lesly Juarez

Foto di: Lesly Juarez

«Sigi e il gruppo Tacopina hanno raggiunto l’accordo per la cessione del Calcio Catania. Le parti hanno fissato la data del 9 gennaio 2021 per l’esecuzione dell’accordo». Scriveva così appena pochi giorni fa l'avvocato e presidente di Sigi spa Giovanni Ferraù, mettendo la parola fine a una telenovela che aveva spostato il proprio set dalle aule dei tribunali alle stanze degli avvocati. In mezzo, immancabili colpi di scena, storia d'amore e di tradimenti. Eppure, ancora una volta, sembra che quel messaggio possa considerarsi più come un punto e a capo. A mancare potrebbe essere infatti una parte di storia ancora lunga da raccontare e che avrà la sua prossima puntata giorno 5 gennaio, con una riunione di soci e sottoscrittori della Sigi. Tutti uniti, a quanto pare, da una sola certezza: cedere all'avvocato italo-statunitense Joe Tacopina. Anche perché, con la prima tranche di pagamenti dei debiti prevista per fine gennaio, la scelta è quasi obbligata per tutti.

Eppure si è ancora una volta divisi sulle condizioni dell'accordo. Ormai la strada sembra essere tracciata: la vendita del cento per cento delle quote, poi il rientro di alcuni soci entro tre mesi. Il problema starebbe però nei tempi di recupero delle cifre investite dagli imprenditori locali. La proposta del gruppo Tacopina, infatti, sarebbe quella di congelare i soldi dell'acquisto in un fondo dedicato: da sbloccare al 50 per cento in due momenti diversi, in base alla certificazione da parte dell'agenzia delle entrate dei debiti dichiarati finora, cioè 5,5 milioni di euro. Qualora il reale ammontare dovesse superare questa cifra, la differenza verrebbe scalata dal prezzo di vendita e quindi, in sostanza, ricadrebbe come spesa su Sigi.

Eppure, all'ultima riunione di lunedì scorso, pare che l'accettazione sia stata messa nera su bianco e firmata da tutti. In un apposito verbale che in origine, almeno secondo alcuni, era solo un foglio presenze. Un'accortezza che potrebbe risultare necessaria quando si tratta di dover mettere insieme 25 persone, tra soci di fatto e sottoscrittori. Un gruppo che non combacia con quello iscritto nei documenti della Camera di commercio e con diversi nomi noti che però non sarebbero mai entrati formalmente in società, ma avrebbero solo investito cifre come futuro aumento di capitale, una sorta di acconto, in alcuni casi decisamente sostanzioso con centinaia di migliaia di euro. Eppure tutti dovrebbero essere invitati all'assemblea di giorno 5, in attesa di capire cosa porterà la Befana.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×