Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

A Calatabiano arriva la commissione ispettiva antimafia
«Verificare infiltrazioni o condizionamenti della mafia»

Su delega della ministra dell'Interno Luciana Lamorgese, il prefetto di Catania Claudio Sammartino ha disposto un accesso ispettivo antimafia. Dall'insediamento sono previsti tre mesi di attività di indagine, prorogabile per altri tre

Redazione

«Verificare l'eventuale sussistenza di forme di infiltrazione o di condizionamento di tipo mafioso». Per questo il prefetto di Catania Claudio Sammartino, su delega della ministra dell'Interno Luciana Lamorgese, ha disposto un accesso ispettivo antimafia al Comune di Calatabiano, in provincia di Catania.

L'attività ispettiva della commissione di indagine si è insediata oggi e sarà supportata nell’espletamento dell’incarico dal personale delle forze di polizia e dovrà essere perfezionata entro tre mesi dall’insediamento. Un periodo prorogabile di ulteriori tre mesi, qualora fosse necessario.

A giugno dello scorso anno, il Comune del celebre castello era stato coinvolto nell'operazione Isola Bella che aveva portato all'arresto di 31 persone anche tra appartenenti ai clan Cintorino-Cappello e Santapaola-Ercolano si siano spartiti l'Isola Bella di Taormina. Nella spartizione mafiosa, Calatabiano era risultato una intersezione tra le province di Catania e Messina, anche perché è sempre stato la «roccaforte storica» del clan Cintorino della famiglia Cappello. 

A finire nelle carte del'inchiesta era stata la gestione del parcheggio a San Marco, nel litorale marino di Calatabiano. L'allora ispettore capo di polizia Francesco Franco (indagato ma non arrestato), nel giugno del 2014, avrebbe rivelato informazioni che sarebbero dovute rimanere segrete in merito alle offerte presentate per la gara pubblica indetta dal Comune di Calatabiano per la gestione del parcheggio. Franco avrebbe dunque abusato della propria posizione rivelando un segreto d'ufficio a un imprenditore ritenuto vicino a esponenti della criminalità locale

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×