Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Via S.Euplio, grosso ramo cade su un'auto
Tre feriti, è polemica sul verde pubblico

Questa mattina una Fiat Punto stava per svoltare verso via Antonino Longo quando un pesante ramo si è staccato da un ficus ed è piombato sul tettuccio panoramico di cristallo dell'auto, spaccandolo. Qualche graffio e un grande spavento per la conducente e due passeggeri. Secondo il candidato sindaco Matteo Iannitti, testimone dell'incidente, è un simbolo dell'incuria cittadina. «Non è mai imprevedibile, ma quella non è certo la pianta più critica in città», risponde Marco Morabito, agronomo dirigente comunale

Redazione

«Passavo di lì e ho sentito un tonfo incredibile - racconta Matteo Iannitti, candidato sindaco con Catania Bene Comune - Un ramo del grande albero sulla strada era caduto su una macchina, spaccandole il tettuccio». E ferendo la conducente e due passeggeri. E' successo questa mattina all'angolo tra via Sant'Euplio e via Antonino Longo. Responsabile dell'incidente il grande albero che fa quasi da spartitraffico. «Un Ficus magnolioides - spiega subito dopo il sopralluogo Marco Morabito, agronomo dirigente della sezione Verde pubblico del Comune di Catania - In questi mesi eravamo già intervenuti sull'albero. C'era ancora qualche ramo secco da togliere ma, se devo essere onesto, non è certo tra quelli più danneggiati e pericolosi in città. Il forte vento di questi giorni avrà lesionato la parte alta del ramo, che così è caduto da un'altezza di quattro metri».

La conducente, una ragazza di 24anni, percorreva con due colleghi di università via Sant'Euplio a bordo della sua Fiat Punto azzurro metallizzato e stava per svoltare verso via Longo proprio sotto le pesanti fronde. Prima il forte rumore e poi lo squarcio nel tettuccio panoramico di cristallo dell'auto. «I cui pezzi sono caduti addosso ai ragazzi, graffiandoli», racconta Morabito. Ferite di poco conto se paragonate allo spavento preso. Gli agenti di polizia, i primi ad arrivare sul posto, hanno fatto stendere la ragazza alla guida proprio sotto al grande albero. Passato lo shock, subentrerà forse il dispiacere per il danno all'auto con appena un anno di vita.

Un incidente che è simbolo dell'incuria in cui versa la città di Catania per il candidato sindaco e testimone Iannitti: «I veri investimenti, quelli che migliorano la vita delle persone, sono quelli più semplici - commenta, in polemica con le grandi opere cittadine - La manutenzione del verde urbano per la cura degli alberi e la protezione della cittadinanza». «Non dico che sia stato un evento impossibile da prevedere, non è mai così - ammette Morabito - Ma, se mi si chiedesse oggi un piano di intervento per la manutenzione del Verde pubblico, quell'albero per me non sarebbe tra le priorità». Adesso, sull'onda della vicenda, il ficus verrà comunque sfoltito.

Gli operai del Comune hanno già provveduto a portare via il ramo incriminato, pesante qualche decina di chili. «Si è spezzato solo in quattro parti - racconta l'agronomo - L'abbiamo trasportato con una piccola motoape, senza bisogno di chiamare il camion. Però era molto duro, questo sì». Il prossimo passo sarà l'avvio della pratica di risarcimento per la conducente della Fiat Punto. «Mi auguro che l'amministrazione riesca a pagarla prima che la signora debba fare causa», conclude Morabito.

[Foto di Matteo Iannitti]

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×