Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

L'amministrazione che porta i fiori sulla lapide di Fava
Per la Fondazione è «una notizia che ci lascia perplessi»

In passato, la corona floreale offerta dal Comune era sempre stata deposta da impiegati fantasma. Nel 37esimo anniversario dell'uccisione del giornalista, invece, un comunicato annuncia l'iniziativa presa in autonomia da Palazzo degli elefanti

Marta Silvestre

Quello dei fiori che scomparivano dalla lapide di Pippo Fava è destinato a rimanere ancora un mistero. A essere svelata, invece, quest'anno sarà l'incognita sulla corona floreale offerta dall'amministrazione comunale. In passato deposta da impiegati fantasma - e trovata già sotto la lapide in via Fava al momento della commemorazione - oggi pomeriggio sarà, invece, una rappresentanza istituzionale dell'amministrazione comunale a portare «un mazzo di fiori, in ricordo, nel luogo dell'omicidio». La notizia è arrivata di buon mattino con un comunicato inviato dall'ufficio stampa di Palazzo degli elefanti in cui a parlare è il sindaco Salvo Pogliese in persona che ha colto l'occasione per ricordare che le idee del giornalista ucciso dalla mafia il 5 gennaio di 37 anni fa «sono ancora vive nel cuore dei siciliani e dei catanesi onesti». 

«Una notizia che mi ha lasciata perplessa - commenta a MeridioNews la presidente della Fondazione Giuseppe Fava Francesca Andreozzi - anche per il fatto di averlo saputo da voi». Ancora una volta, due commemorazioni diverse. Da una parte, quella della Fondazione - che ha scelto di organizzare un presidio virtuale e un webinar per parlare dello stato del giornalismo al Sud e in Sicilia - e, dall'altra quella del Comune di Catania che porterà un mazzo di fiori sotto la lapide, come «omaggio perenne a un sacrificio estremo che segna ancora la linea dell’impegno sociale e civile di chi auspica - ha dichiarato il primo cittadino - una terra finalmente liberata dalla mala pianta della mafia». 

«Quando abbiamo organizzato gli eventi online, per rispettare le norme anti-Covid - spiega Andreozzi - abbiamo inviato il comunicato anche all'ufficio stampa del Comune di Catania». Pochi giorni dopo, da un ufficio dell'assessorato ai Beni culturali è arrivata una richiesta per partecipare alla commemorazione. «Abbiamo risposto che non era un momento commemorativo o istituzionale - riferisce la presidente della Fondazione - ma un dibattito per discutere di giornalismo tra giornalisti. E abbiamo esteso anche a loro l'invito a partecipare alla catena di memoria sui social. Il discorso con l'amministrazione - conclude - si era chiuso così». 

In realtà, non è la prima volta che un'amministrazione comunale etnea invia un comunicato stampa per avvisare giornalisti e cittadini di un'iniziativa presa in autonomia. Dal 2013, sotto l'era Bianco, per anni, gli amministratori locali hanno scelto di ritagliarsi un momento nella mattinata per commemorare Fava. Mezza giornata in anticipo rispetto al resto di Catania. «Quello deve essere un momento di riflessione e non di passerella», aveva detto all'epoca Elena Fava. Chissà che direbbe oggi.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×