Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

«Contagi inarrestabili». Pure Ramacca chiede la zona rossa
Musumeci proroga i controlli serrati per chi arriva in Sicilia

Nei primi giorni dell'anno le restrizioni sono state adottate a Capizzi e San Fratello, e prorogate a Milena, nel Nisseno. Adesso è il commissario straordinario del centro del Calatino che scrive al governatore. «Positivo l'1,5 per cento della popolazione»

Simone Olivelli

Foto di: tipicalsicily

Foto di: tipicalsicily

Mentre l'Epifania oltre alle feste si porterà via il Dpcm sulle due settimane di alternanza tra zone rossa e arancione in tutto il Paese, in Sicilia l'attenzione rimane decisamente alta. L'isola ieri ha fatto registrare il numero più alto di contagi nella singola giornata degli ultimi 45 giorni e sono diversi i centri in cui i sindaci ritengono opportuno non mollare la stretta. 

Dopo il caso di Capizzi e di San Fratello, dove i rispettivi sindaci hanno chiesto e ottenuto l'adozione della zona rossa con provvedimento del presidente della Regione Nello Musumeci, la proroga fino al 17 gennaio delle restrizioni per Milena (Caltanissetta), oggi è Ramacca ad avere fatto la richiesta. 

L'istanza è stata firmata dal commissario straordinario Domenico Targia, subentrato ai vertici dell'ente del Calatino dopo che il Consiglio comunale ha sfiduciato Pippo Limoli. «Considerato che l'andamento della curva epidemiologica evidenzia un progressivo e inarrestabile aumento dei casi positivi - si legge nel documento inviato alla Regione - con un rapporto di positivi di 1,5 rispetto al numero di cittadini è stato chiesto in data 5 gennaio l'adozione di provvedimenti per l'inserimento del comune in zona rossa».

Ieri intanto Musumeci ha prorogato fino al 15 gennaio le disposizioni adottate a inizio dicembre con l'ordinanza numero 64, quella riguardante i controlli serrati per chi arriva in Sicilia. Le misure erano state prese in vista dei rientri dei fuorisede per le festività natalizie. Dato l'andamento dei contagi, però, il governo regionale ha ritenuto opportuno mantenere elevata l'attenzione negli aeroporti e nei porti dell'isola.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×