Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Chiesta zona rossa per il Comune di Castel di Iudica
Sindaco: «Mangiate abusive e giocate a carte nei bar»

Sono 63 i contagi accertati ma i numero potrebbero salire ancora. Per questo motivo il primo cittadino Ruggero Strano vuole la fascia rossa per la comunità che amministra. «Valuteremo anche lo stop all'asporto», dice a MeridioNews

Redazione

Mangiate abusive e giocate a carte nei bar. Il virus però non è rimasto a guardare e adesso il Comune di Castel di Iudica rischia di entrare in zona rossa. A chiedere la misura restrittiva è stato il primo cittadino Ruggero Strano. Adesso si attende la risposta da parte della Regione Siciliana attraverso il presidente Nello Musumeci e l'assessore alla Salute Ruggero Razza. Misura analoga è stata chiesta dal commissario che regge il Comune di Ramacca. Mentre sono già in zona rossa Capizzi e San Fratello, in provincia di Messina, e Milena in provincia di Caltanissetta. 

In un quadro generale in cui la curva dei contagi continua a salire a Castel di Iudica hanno fato scalpore alcune foto che hanno immortalato una mangiata abusiva, a quanto pare organizzata alla vigilia di Natale, e le scene dei bar pieni di avventori intenti a giocare a carte. «Se ognuno di noi avesse attuato le prescrizioni anziché fare mangiate il nostro territorio non avrebbe tutti questi contagi», ha ribadito il sindaco durante una diretta Facebook del 4 gennaio.

«Al momento abbiamo 63 positivi - spiega Strano contattato telefonicamente da MeridioNews - ma nelle prossime ore potrebbero aumentare, superando i cento, almeno secondo quello che mi ha garantito l'Usca. Abbiamo già provveduto a chiudere le scuole fino al 16 gennaio e a sospendere il mercato settimanale. Aspettiamo - aggiunge - la decisione della Regione». L'ipotesi, in caso di ulteriore aumento dei contagi, potrebbe essere anche uno stop all'asporto. «C'è stato chi giocava a carte e a biliardo malgrado i controlli della polizia locale in un territorio che ha diverse frazioni. Riguardo le mangiate c'è stato un grosso gruppo di persone che ha fatto la vigilia di Natale insieme contagiandosi tra loro. Tra loro anche qualcuno che dovrebbe dare l'esempio».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×