Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Giarre, ville comunali affidate agli animalisti
Rapporto virtuoso tra pubblico e privato

Nel Comune ionico l'amministrazione ha lasciato in gestione per cinque anni due giardini pubblici alle associazioni Sguinzagliati e Diamoci una zampa che hanno riqualificato il verde e creato aree sgambatoio per i cani. Grazie all'autotassazione dei soci e al contributo di alcuni sponsor. Mentre non sempre positivo è stato il riscontro dei vicini. «Abbiamo subito atti di vandalismo e minacce, come alcune polpette avvelenate, ma andiamo avanti», spiega il presidente di uno dei due gruppi

Salvo Catalano

Due villette riqualificate a costo zero per il Comune e spazi dove i cani possono socializzare e correre in libertà. Per una volta la collaborazione tra pubblico e privato funziona. Succede a Giarre dove l’amministrazione del sindaco Teresa Sodano ha siglato qualche mese fa un accordo con due associazioni animaliste: Sguinzagliati e Diamoci una zampa, a cui ha concesso la gestione per cinque anni rispettivamente di una parte della villetta di via Emilia e del parco degli Eroi, entrambi in centro. Tuttavia, mentre il primo sgambatoio è già operativo, nel secondo caso l’inaugurazione tarda a causa di continui casi di vandalismo e minacce.

«Fino a marzo abbiamo subito danni – racconta Dino Grasso, presidente di Diamoci una zampa – avevamo già messo la recinzione, comprata dal Comune, ma l’hanno distrutta e abbiamo anche trovato delle polpette che l’Asp di Palermo ha confermato essere avvelenate. Erano ben nascoste, un messaggio per noi più che un reale rischio per i cani». Così Dino e gli altri 17 soci hanno deciso di dedicarsi prima alla manutenzione del verde. «Sappiamo che diamo fastidio ad alcuni vicini, ma speriamo che, vedendo come il nostro lavoro è finalizzato alla manutenzione di tutto il giardino, possano ricredersi», aggiunge il presidente dell’associazione. Parco degli eroi è stato lasciato per anni al degrado.

Già prima dell’esperimento di Diamoci una zampa, era denominata «la villetta dei cani». Ma era piena di erbacce, rifiuti ed escrementi. «Visto che tutti gli educatori sottolineavano l’importanza di far socializzare i cani e considerato che anche tra noi avevamo stretto dei buoni rapporti, abbiamo deciso di fondare il comitato e rivolgerci al Comune», sottolinea Dino. I passi successivi sono stati l’approvazione di un regolamento comunale per gli animali d’affezione e un’autotassazione di 50 euro a socio per l’acquisto del materiale necessario. Tra due settimane, vandali permettendo, il nuovo sgambatoio sarà inaugurato.

Funziona già a pieno regime invece quello di via Emilia. Qui, oltre all’impegno economico e in termini di tempo dei soci, si è aggiunto il contributo di alcuni sponsor, i cui marchi adesso campeggiano sul muro perimetrale della villetta. «Ma è l’unico vantaggio che hanno – precisa Francesco Pappalardo, dell'associazione Sguinzagliati – per il resto pensiamo a tutto noi, abbiamo anche realizzato una manifestazione a carattere ludico ma senza fini di lucro». Anche la villetta di via Emilia è rinata dopo l’intervento degli animalisti, sostenuti, in questo caso anche dai vicini: hanno levato le erbacce, cambiato l’illuminazione e realizzato la recinzione che separa solo una parte del giardino riservata ai cani. «L’ingresso nell’area recintata è riservato ai soci, che hanno le chiavi e chiudono il cancello quando sono all’interno – conclude Francesco – Ma teniamo una serie di incontri di educazione cinofila, per insegnare ai proprietari a far socializzare gli animali e il comportamento da tenere in caso di aggressioni».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×