Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Rapine a casa di anziani, fermata una banda di sei persone
Colpivano di notte, immobilizzando e minacciando le vittime

Le indagini sono state condotta dalla Squadra mobile di Catania, dopo un colpo fallito ai danni di un gioielliere. Quattro persone sono finite in carcere. Trovate armi e passamontagna. Per muoversi usavano mezzi rubati. Guarda il video

Redazione

Sei arresti a Catania per rapine nei confronti di anziani, aggrediti all'interno delle proprie abitazioni. La polizia, su disposizione del tribunale di Catania, ha fermato Marco Rapisarda, 43 anni; Ivan Stella, 29 anni; Giuseppe Nicolosi, 33 anni; Ivan Zappalà, 28 anni; Francesco Distefano, 38 anni; e Paul Giorgian Calinescu, di 32 anni. Sono accusati di avere commesso una lunga serie di colpi, alcuni anche violenti, in un breve lasso di tempo.

L'indagine è iniziata dopo un tentativo di rapina a un gioielliere di Catania. L'uomo è stato sorpreso in casa, dove si trovava con la moglie, da un blackout elettrico. Andato a controllare cosa stava accadendo, la vittima ha aperto la porta di casa e si è trovato davanti la banda di rapinatori con il volto coperto e le armi in pugno. Tuttavia, il fermo-porta e la minaccia di essere armato hanno portato i rapinatori a fuggire. Gli investigatori hanno scoperto che il gioielliere era stato seguito per diversi giorni, in modo da studiarne abitudini e orari. 

L'identificazione di uno degli autori della tentata rapina in Ivan Stella ha portato gli agenti della Squadra mobile a ricostruire i rapporti del 29enne. Il luogo in cui venivano pianificate le rapine era in via Zaccà, nel rione Cibali. Qui vive Rapisarda, ritenuto contiguo al clan Cappello-Bonaccorsi. Le rapine avvenivano dopo avere immobilizzato i proprietari con l'uso di nastro isolante e la minaccia delle armi. Il 7 ottobre 2020, ad Aci Castello, è stato aggredito un ultranovantenne. Un mese dopo è toccata invece a una donna, anche lei anziana; in questo caso i rapinatori sono entrati dalla terrazza per poi scendere al piano inferiore dove la vittima dormiva. 

Durante le perquisizioni domiciliari, la polizia ha sequestrato una pistola calibro 38 e due passamontagna. Per entrare in azione, la banda utilizzava mezzi rubati. Il gip ha disposto la custodia cautelare in carcere nei confronti di Stella, Nicolosi, Rapisarda e Zappalà, mentre i domiciliari sono stati disposti nei confronti di Calinescu. Per Distefano, infine, il giudice ha deciso per l'obbligo di dimora.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×