Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

M5s, Adorno non andrà a CittàInsieme
Altra febbre tattica? «Solo inconvenienti»

Ha disdetto all'ultimo momento un incontro programmato da tempo. «Per motivi di salute», si giustifica Lidia Adorno, candidata a sindaco di Catania del Movimento 5 Stelle. Poche settimane fa aveva già disertato la protesta in Prefettura per la mancata elezione di Stefano Rodotà al Quirinale. Intanto alla Regione scoppia il caso Venturino

Federica Motta

Avrebbe dovuto essere la prima protagonista del primo degli incontri coi candidati sindaco di Catania organizzati dall'associazione CittàInsieme. Ma per motivi di salute, la rappresentante del Movimento 5 stelle, Lidia Adorno, diserterà l'appuntamento di questa sera, causa «improvviso stato febbrile e spossatezza», scrive agli organizzatori. «Qualche linea di febbre, causata probabilmente da un colpo d'aria. Cose che succedono visti i repentini cambiamenti di temperatura degli ultimi giorni», spiega l'addetto stampa del Movimento, Giuseppe Nicotra. «Si tratta comunque di un malessere passeggero».

Tuttavia un episodio spiacevole, a ridosso di un incontro pubblico e in piena campagna elettorale. Specie perché non è la prima volta che accade. «L'ultima volta, alla vigilia della presentazione della lista - ricorda lo stesso portavoce della candidata - fu per problemi di schiena. E il medico le consigliò di rimanere a riposo». Ma ancora in occasione del sit-in contro la nomina di Napolitano bis come presidente della Repubblica, lo scorso 21 aprile. Mentre i grillini catanesi protestavano davanti al palazzo della Prefettura, in via Etnea, la Adorno, come d'altronde il numero uno del Movimento, mancava l'appuntamento con la piazza. Anche in quella occasione, infatti, la prof candidata a Palazzo degli Elefanti non era presente «perché non stava tanto bene», rispondevano alcuni movimentisti con un certo imbarazzo.

Questa volta la comunicazione è arrivata dagli organizzatori dell'incontro pubblico. «La candidata ha comunicato che non se la sentiva di parlare perché senza voce e fortemente raffreddata», spiega Salvatore Resca, fondatore di CittàInsieme. «Le abbiamo subito comunicato una rosa di date a disposizione, subito dopo i mercoledì dedicati agli altri candidati. Quindi aspettiamo che si rimetta e ci comunichi se vorrà partecipare e quando».

Intanto sul web si rincorrono voci di corridoio, conferme e smentite sui problemi interni al Movimento. Appena una settimana fa si parlava di un possibile dietrofront del senatore catanese a 5 stelle, Michele Giarrusso che avrebbe minacciato di passare al gruppo misto. Poi la riappacificazione. E ancora le critiche del vice presidente della Regione Sicilia, Antonio Venturino, contro il leader nazionale, Beppe Grillo.

Un mix di tensioni interne che potrebbero aver messo in difficoltà la posizione dei portavoce grillini nelle varie città. Da Roma a Palermo, passando per Catania. Dove però si parla esclusivamente di una malessere fisico della candidata a sindaco. Per cui il portavoce, precisa: «Non abbiamo nulla da nascondere. Si tratta di inconvenienti che possono capitare. E se la candidata non è se la sente di partecipare a questo incontro, ci auguriamo che ce ne sia un altro per poter recuperare».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×