Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Mafia, sequestro di beni a un boss di Palagonia
Valore complessivo ammonta a circa 60mila euro

Nel mirino della guardia di finanza è finito Giovanni Pappalardo, 47 anni. L'uomo venne coinvolto nell'ambito dell'inchiesta Kronos e poi condannato, a gennaio 2018, a 13 anni e 6 mesi di reclusione. Accertamenti anche su moglie e figlie. Guarda il video

Redazione

Un'azienda agricola, attiva anche nel settore della ristorazione, e il relativo terreno, per un valore complessivo di circa 60mila euro, sono stati sequestrati dai militari della guardia di finanza di Catania, su disposizione della sezione misure di prevenzione del tribunale etneo, al boss Giovanni Pappalardo, 47 anni, di Palagonia. Le indagini hanno accertato che i beni erano stati intestati ai suoi familiari, tutti residenti a Palagonia, già destinatari, a ottobre 2020, di un provvedimento di sequestro relativo a terreni, una villa e conti correnti per circa 270mila euro.

Nella nuova indagine è emersa la pericolosità sociale di Pappalardo, organico alla famiglia di Caltagirone di Cosa nostra. Pappalardo, dopo essere finito nei guai nell'operazione Kronos, è stato condannato, nel 2018, a 13 anni e 6 mesi di reclusione, ha partecipato ad almeno quattro summit tra esponenti di punta delle famiglie catanesi e calatine nell'ambito dei quali venne discussa la nomina del rappresentante provinciale e la ripartizione dei proventi delle estorsioni. 

Le indagini, estese a moglie e figlie, hanno evidenziato la presenza di ulteriori particelle di terreno - acquisite nel tempo da Pappalardo - e di una ditta individuale, formalmente intestata alla consorte. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×