Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

A_few e Choosy, robot intelligenti siculi
Team Unict da oggi in gara in Francia

Gonfiano palloncini, lanciano palline, afferrano e impilano bicchieri. E sanno compiere le scelte migliori per poter realizzare in totale autonomia le azioni richieste. Le due macchine marca liotro (Affiu e Giusy per gli amici) inventate dal gruppo di universitari catanesi si trovano oltralpe per partecipare all'edizione 2013 dell'Eurobot e sfidare concorrenti provenienti da tutta Europa. Gli avversari sono avvisati: Do you know who are the people? Guarda il video e le foto

Carmen Valisano

Si chiamano Alfio e Giusy, sono nati a Catania, alla Cittadella universitaria. Sanno spegnere candeline, afferrano bicchieri, riconoscono i propri simili. E si muovono su tavoli da tre metri per due grazie ad un sofisticato modello matematico che permette loro di fare le scelte migliori per compiere le azioni richieste dai loro creatori. Sono i due robot costruiti dall'Unict-team, la squadra di robotica dell'Università di Catania che da diversi anni gareggia nella competizione internazionale di robotica Eurobot. Anche quest'anno il gruppo capitanato da Corrado Santoro, docente di Informatica, partecipa all'annuale gara che vede sfidarsi squadre provenienti da tutto il vecchio continente.

I loro nomi scientifici sono A_Few e Choosy, «in onore di Elsa Fornero, per dimostrare che gli studenti non sono tutti schizzinosi», spiega uno dei giovani papà dei due robot, Flavio Di Natale. «Per tradizione diamo dei nomi tipicamente siciliani: Tino, Toni, Ciccio, Rosa, Iano. Quest'anno abbiamo scelto Alfio e Giusy». La coppia di robot è già arrivata a La Ferté Bernard, in Francia, per incontrare i concorrenti della ventesima edizione della manifestazione. «Ogni anno gli organizzatori scelgono un tema e, vista la ricorrenza, quello di quest'anno sarà il compleanno». Le azioni richieste a queste piccole meraviglie tecnologiche sono legate quindi al festeggiamento: «Raccogliere e impilare bicchieri, spacchettare regali, spegnere candeline - elenca Di Natale - E poi fare canestro scegliendo tra le palline a disposizione quelle bianche e non quelle colorate, che simboleggiano le ciliegie marce». Punti bonus per quelli che riusciranno a gonfiare i palloncini per la festa.

«I robot sono autonomi, fatti per muoversi da soli, riconoscere e quindi evitare l'avversario». E' infatti prevista una penalità per la squadra che non rispetta questa fondamentale regola: «Non devono collidere con gli altri». Parte dei creatori di Alfio e Giusy hanno accompagnato le macchine oltralpe. Già superato il primo scoglio, ossia l'omologazione. «Da oggi a domenica si terranno cinque sessioni di qualificazione - spiega lo studente - Le prime 16 squadre passeranno alle fasi finali di domenica».

Il team catanese è l'unico rappresentante italiano in una gara dove si incontrano le eccellenze provenienti da altri paesi. «In Francia, Germania e Belgio, ad esempio, si fanno delle selezioni nazionali, quindi vanno i migliori». Ma i ragazzi siciliani non temono la concorrenza, forti degli ottimi piazzamenti raggiunti negli anni passati. Nel 2009 e nel 2011 la squadra è giunta seconda, quinta l'anno scorso. «I francesi di Rcva sono i nostri nemici per eccellenza», spiega Flavio Di Natale. E la temerarietà i piccoli robot catanesi l'hanno messa in risalto, con la scritta che ha sempre campeggiato sulle macchine in gara. Do you know who are the people?. Il classico Ma tu u sai cu sunu i cristiani?, una vera e propria dichiarazione d'intenti internazionale.

L'esperienza di Unict-team potrebbe sembrare quasi un gioco, ma ha alle sue spalle un grande impegno fatto di studio e sperimentazione a metà tra la matematica e l'ingegneria. «Il lavoro profuso è difficilmente quantificabile. Ma crea dipendenza», afferma sorridendo Flavio. «Ci sono ragazzi che rimandano esami e sessioni di laurea. Io sono uno di quelli - confessa - ma la passione è tanta». Tutto a costo zero: a disposizione dei ragazzi ci sono solo un'aula e la strumentazione. Il resto viene dallo sforzo personale, a cominciare dalle spese di viaggio per partecipare alle gare.

Per partecipare - oltre alla passione per la materia - non servono competenze troppo complesse. Serve l'esperienza, sì, ma non è necessario essere in là con gli studi. «Il team nasce anche con l'idea di mettere le mani in pasta, di impegnarsi». Tranne il docente che coordina il progetto e alcuni collaboratori esterni, ad occuparsi della creazione dei robot sono 15 giovani studenti. Assieme a Di Natale, quest'anno si sono impegnati Corrado Santoro, Santi Passarello, Eugenio Vitanza, Angelo Russo, Mario Marano, Alberto Gugliotta, Adriano Augusto, Emanuela Ventura, Giancarlo Romeo, Salvo Di Liberto, Michele Russo, Gaetano Di Venti, Fabrizio Tata e Paolo Nicotra.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×