Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Misterbianco: scuola al freddo, bimbi in aula col giubbotto
«Se continua così, da domani terremo i nostri figli a casa»

La preside Caterina Lo Faro parla a MeridioNews di «fantomatici problemi alle caldaie» che le sono stati riferiti dall'ufficio tecnico del Comune. «Al primo naso che cola - lamentano i genitori - saremo costretti anche a sottoporre i bambini al tampone»

Marta Silvestre

«Se oggi non risolvono il problema, da domani non porteremo i bambini a scuola». Il problema che lamenta a MeridioNews Santa Musumeci, una delle rappresentanti di classe dell'istituto comprensivo Leonardo Da Vinci di Misterbianco, è che i bambini - compresi i suoi due figli - sono costretti a fare lezione in aule senza riscaldamenti. «Le mamme hanno perfettamente ragione a lamentarsi e hanno tutto il mio appoggio», risponde solidale la preside Caterina Lo Faro

In entrambi i plessi i riscaldamenti non sono mai stati accesi da quando è iniziato questo anno scolastico. Nella sede centrale, al momento, ci sono circa 600 alunni; altri 200 frequentano la succursale di via Giuseppe Garibaldi. «Prima delle vacanze di Natale - spiega la dirigente scolastica - siamo stati informati di fantomatici problemi alle caldaie che non permettevano di mettere in funzione i riscaldamenti». Al rientro dalle festività natalizie e dal periodo di didattica a distanza dovuta alla pandemia da Covid-19, la situazione è rimasta uguale. «Abbiamo chiesto spiegazioni all'ufficio tecnico del Comune - continua la preside - ma ci sentiamo sempre rispondere "Stiamo provvedendo". Il punto è che le verifiche andavano fatte per tempo, non ora che il freddo è oramai arrivato». 

La preside adesso è in attesa di parlare con i commissari prefettizi del Comune «per avere delle risposte certe soprattutto sui tempi della risoluzione del problema». Al momento, infatti, non è dato sapere se e quando i bambini potranno tornare a fare lezione senza indossare giubbotti, cappellini e sciarpe di lana. «Ci hanno assicurato che oggi stesso verrà un operaio della ditta per risolvere il problema», dice speranzosa la dirigente. «I nostri figli devono già stare in classe con le mascherine e convivere con il difficile obbligo di rispettare il distanziamento sociale - sottolinea la rappresentante - Inoltre, in questo periodo, c'è il rischio che al primo naso che cola, anche se potrebbe essere un raffreddore, bisogna sottoporre bambini e ragazzi al tampone per accertare che non si tratti di coronavirus». 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×