Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Librino, le due piazze di Maurizio Caserta
«Pronto a essere fischiato, ma sono qui»

Voto libero da condizionamenti, servizi, buon governo e lavoro. «Una città funziona se ci sono tutte queste cose». I temi toccati dal docente di Economia dell'università di Catania e candidato a sindaco etneo nel suo comizio domenicale nel quartiere sono pochi ma d'impatto. Eppure ad ascoltare c'è poca gente, in maggior misura proveniente da altre zone di Catania. E non sono mancate anche le piccole contestazioni. Guarda le foto

Carmen Valisano

Un comizio con due piazze. Da una parte, sotto al piccolo palco, una trentina di sostenitori del candidato sindaco di Catania Maurizio Caserta. Più lontani, affacciati alla balaustra di un bar, gruppi di passaggio più o meno indifferenti. Il candidato della lista civica, docente ordinario di Economia, ha scelto Librino per il suo comizio di domenica mattina, in una piazza dell'Elefante che in realtà somiglia più a uno slargo incastrato tra palazzoni e grandi viali. «Buongiorno Catania, perché anche questa è Catania», esordisce il candidato, che conosce bene il quartiere per la sua attività di volontariato al doposcuola del centro Talità Kum.

Nemmeno il tempo di iniziare e parte subito una voce di opposizione: «Voto Stancanelli!», urla un uomo seduto su un motorino a pochi passi dal palco. «Bravo! Se è un voto libero, sono contento», ribatte immediatamente e senza alcun cenno di scherno il candidato. Gran parte del suo breve intervento batte proprio sul tema della compravendita dei voti. «Se mi portano la spesa, mangio per un giorno. Ma gli altri?», chiede. «La spesa di ogni giorno si chiama lavoro. E non nasce per miracolo. Io mi accontenterei di una prospettiva piuttosto che di 50 euro». «Vota delinquenza!», si sente da un altro punto imprecisato della piazzetta. Una soluzione liquidata da Caserta come «vita di merda». «Vuoi la stessa vita per i tuoi figli? Adesso ce la fai, hai i soldi, puoi permetterti la moto. Ma continuerai così fino a 60 anni?», chiede il docente. «Se ci arriva!», puntualizza un sostenitore. «Se volete, sono pronto a essere fischiato. Ma io sono qui - dice l'aspirante primo cittadino - Gli altri no. Forse sono nei saloni degli alberghi a fare accordi. Noi siamo esposti».

Tranne queste due interruzioni il comizio va avanti spedito. Pochi e precisi i temi toccati da Maurizio Caserta: servizi, buon governo, lavoro. Tutte - sostiene il candidato sindaco - soluzioni ai numerosi problemi che attanagliano il quartiere e Catania. «Una città funziona se ci sono tutte queste cose». Ma la platea più attenta, quella più vicina fisicamente a lui, è in gran parte formata da persone che hanno avuto difficoltà a trovare la piazzetta. Gli abitanti di Librino rimangono affacciati ai balconi dei palazzoni che circondano questa sorta di parcheggio o restano all'ombra della terrazza di un bar.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×