Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Pedofilia, 200mila immagini sequestrate
Arrestati quattro utenti del deep web

Qualche mese fa la notizia di una donna catanese che abusava del figlio di dieci anni. Solo l'inizio di una lunga indagine che ha portato la polizia postale etnea a scoprire una delle bacheche online più frequentate dai pedofili e a identificare tre minori vittime di abusi. Per restare anonimi, gli utenti si servivano di un software libero creato per aggirare la censura politica su Internet in alcuni paesi del mondo, ma ormai terreno di reati di vario tipo

Claudia Campese

Più di 200mila immagini pedopornografiche sequestrate. Una rete di nove persone - tra fornitori di foto e video e i rispettivi clienti - distribuita in tutta Italia. Ma soprattutto tre minori vittime di abusi adesso identificati. Sono i numeri dell'operazione Tor della polizia postale di Catania, «ma è l'ultimo elemento a rendere importante questa indagine», spiega il dirigente Marcello La Bella. Perché le vittime di pedofilia online, di solito senza volto e senza nome, restano spesso sole. «In questo caso, invece, abbiamo già inviato al tribunale dei minori la documentazione relativa ai loro casi - aggiunge il sostituto procuratore etneo Marisa Scavo - e si procederà per verificare il contesto familiare ed eventuali responsabilità dei genitori». In almeno due casi, uno a Catania e uno a Roma, già evidenti dalle prove raccolte dagli agenti.

Ma non è questo l'unico elemento di novità dell'indagine. «Cominciata su nostra iniziativa, senza alcuna segnalazione», sottolinea La Bella, grazie ad alcuni agenti infiltrati la polizia postale etnea è riuscita a scavare nel deep web. La Rete più profonda, quella che va oltre i social network ormai conosciuti da tutti e utilizzati dai più, anche per fini pedopornografici. Un mondo - sotto la superficie popolata da servizi come Facebook, Youtube e il meno noto ma diffuso 4chan - che sfugge ai motori di ricerche con bacheche online dai nomi che poco lasciano all'immaginazione: Hard candy, Pedoplanet, sTORage. Spazio web, quest'ultimo, che prende il nome proprio dal servizio utilizzato dai pedofili e dai loro fornitori per garantirsi l'anonimato online. E che dà anche il nome all'indagine: Tor. Un software gratuito e libero, scaricabile sul proprio pc - e predisposto per tutti i sistemi operativi - che rende irrintracciabili località e abitudini online di chi lo utilizza. Nato, com'è tradizione nella filosofia hacker, per permettere a chiunque di essere sempre connesso, anche in Paesi in cui la rete Internet è sotto censura, il servizio viene oggi utilizzato sempre più spesso per scopi illeciti. «Non solo pedopornografia, ma anche terrorismo e cracking», spiega La Bella.

I servizi web utilizzati dai pedofili online

Funzionamento della rete Tor

«Abbiamo però dimostrato che questo presunto anonimato è in realtà un falso mito», continua il dirigente della polizia postale etnea. Eppure un aiuto è arrivato ancora una volta da più tradizionali metodi di indagine, come le intercettazioni ambientali e telefoniche dei nove sospettati. Quattro di loro sono stati arrestati. Tra questi una donna, 48 anni, di Catania, e un uomo, 41 anni, residente a Roma, già trasferito in carcere. Entrambi sono accusati di aver violentato più volte i propri figli - un bambino e una bambina rispettivamente di dieci e nove anni - e di aver divulgato il materiale foto e video delle violenze online. Tra i richiedenti delle immagini, un uomo, 64 anni, di Torino e un 28enne romano. Sul pc di quest'ultimo la polizia ha trovato 75mila file pedopornografici tra cui alcune foto di nudo di una 12enne che l'uomo avrebbe adescato su Facebook.

«Tra i clienti c'è una continua richiesta di immagini fresche e soprattutto di materiale autoprodotto - spiega La Bella - A volte su compenso». A svolgere il ruolo di procacciatore per se stesso e per gli altri utenti della deep web sarebbe stato l'uomo residente a Torino, parente della madre catanese arrestata e protagonista di «un set di immagini dove, alle volte travestita da suora, abusava sessualmente del proprio figlio anche con l'uso di oggetti religiosi». Un caso di cronaca che risale ad alcuni mesi fa e che oggi si sa essere stato solo l'inizio dell'indagine. Oltre ai quattro arrestati - che adesso dovranno rispondere a vario titolo di atti sessuali con minori, produzione, commercio, divulgazione e detenzione di materiale pedopornografico - per altri cinque utenti è scattata una denuncia.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×