Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Paternò, continua scontro sindaco-genitori sulle scuole
Tar accoglie ricorso contro nuova ordinanza di chiusura

I giudici amministrativi hanno sospeso il provvedimento con cui il 17 gennaio il primo cittadino Nino Naso ha disposto la didattica a distanza anche per le scuole elementari e la prima media, in contrasto a ciò che è previsto a livello nazionale e regionale. «Non mi scoraggiano», replica

Salvatore Caruso

Foto di: Gabriele Patti

Foto di: Gabriele Patti

Non c’è pace per le scuole comunali a Paternò, finite al centro dell’attenzione del Tar di Catania per la seconda volta nel giro di due mesi. I giudici amministrativi, infatti, hanno sospeso ieri pomeriggio l’efficacia dell’ordinanza del sindaco Nino Naso, con cui si disponeva la chiusura degli istituti con l’utilizzo della didattica a distanza anche per gli alunni delle elementari e delle medie, che in teoria, secondo le direttive nazionali e regionali che riguardano le regioni a zona rossa, avrebbero dovuto frequentare in presenza le lezioni. L’ordinanza di Naso prevedeva la chiusura da lunedì 18 a venerdì 22 gennaio degli edifici scolastici per sanificazione. Durante il periodo della sospensione didattica in presenza all'interno delle scuole sono stati fatti degli interventi di manutenzione. 

L’ennesimo provvedimento del primo cittadino non è stato condiviso da un gruppo di genitori, un centinaio circa, che nell'immediatezza del fatto hanno sottoscritto una lettera aperta, dicendosi indignati di fronte alla perseveranza con cui il primo cittadino ha insistito nella propria decisione sia tornato a chiudere le scuole, dopo che già una prima volta il Tar si era espresso negativamente. Adesso i giudici sono tornati a pronunciarsi sul nuovo ricorso dei genitori. «Il provvedimento imputato - si legge nel decreto del presidente della terza sezione Daniele Burzichelli - fa riferimento all’esigenza di sanificare i locali scolastici in ragione dell’intervenuta presenza di operatori esterni. Appare assai discutibile che tale esigenza si imponga a causa della semplice presenza nei locali di personale esterno. Risulta implausibileche tale operazione richieda cinque giorni».

Il Tar entrerà nel merito della questione il prossimo 10 febbraio. Durissima, intanto, la replica del sindaco. «Ancora una volta vengo denunciato per avere salvaguardato la salute dei nostri figli, anche dei figli di chi mi ha denunciato - ha esordito Naso - Siamo ligi al dovere, rispettiamo la sospensiva e gli alunni dovranno rientrare a scuola. Ma si sappia che queste azioni non mi scoraggiano». Tra ordinanze, ricorsi e sospensioni per sanificazioni, l'ultima lezione in presenza a Paternò risaliva all'ormai lontano 9 novembre. Oggi, tuttavia, sono stati pochi i genitori che hanno mandato i propri figli nelle aule cittadine.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×