Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Imputazione coatta per omicidio colposo per Diego Piazza
Figlio della vittima «Grande risultato». Legale: «Innocente»

La 78enne Agata Fazzio è morta mentre era ricoverata all'ospedale Garibaldi Nesima di Catania. Dopo un'operazione in laparoscopia al colon, era stato necessario un intervento d'urgenza. Il pm aveva richiesto l'archiviazione, la decisione della gip cambia tutto

Marta Silvestre

Omicidio colposo. È il reato per cui la giudice per le indagini preliminari Giuseppina Montuori ha disposto che il pubblico ministero provveda a formulare, entro dieci giorni, un'imputazione coatta nei confronti di Diego Piazza. Primario di Chirurgia oncologica all'ospedale Garibaldi Nesima di Catania ed ex presidente dell'ordine dei medici, Piazza è indagato nella vicenda della morte di Agata Fazzio

La signora di 78 anni è deceduta l'11 dicembre del 2018, dopo diciotto giorni passati nel reparto di Terapia intensiva nel nosocomio dove era stata ricoverata per un intervento in laparoscopia al colon. A presentare un esposto in procura, pochi giorni dopo il decesso, erano stati i figli della signora, Marco e Vincenzo Marcello Piso; da lì sono poi partite le indagini. Alla richiesta di archiviazione avanzata dal pm, i familiari - assistiti dall'avvocato Arduino La Porta - si sono opposti. Una opposizione che la gip adesso ha valutato come «fondata». 

«È un grande risultato - commenta a MeridioNews Marco Piso, uno dei figli della vittima - La vicenda di mia madre non meritava di finire archiviata. Ci interessa arrivare a dibattimento per dimostrare che non si può morire così per un intervento di routine e - aggiunge - per la superficialità di chi avrebbe dovuto prendersi cura di lei e non lo ha fatto. Voglio ancora poter continua a lottare per mia madre». È il 21 novembre del 2018 quando la donna viene ricoverata; l'operazione, come previsto, avviene l'indomani. Dopo una notte passata in Rianimazione, la signora torna in reparto per la degenza. 

Stando al racconto delle parenti che erano con lei - una figlia e una nipote - la signora Fazzio avrebbe cominciato ad «accusare forti dolori addominali, a sudare freddo, ad avere la febbre». Una situazione di cui, nonostante le segnalazioni che le familiari dicono di avere fatto al personale sanitario, non ci sarebbe traccia nella cartella clinica, tanto che i parenti della signora avanzano l'ipotesi di falso. A circa 48 ore dall'intervento, la donna sviene e perde conoscenza. Dopo una tac all'addome che mostra una peritonite e uno shock settico, la donna viene sottoposta a un'operazione d'urgenza e finisce in Rianimazione dove resta fino al momento della morte. In entrambi gli interventi, il primo operatore è Diego Piazza

«È una vicenda medica molto complessa - spiega a MeridioNews l'avvocato Carmelo Peluso, che è il difensore di Piazza - Chi oggi canta vittoria deve essere cauto perché metterò in campo tutti i migliori consulenti per dimostrare che il mio assistito è innocente e per fare presente che alcune ricostruzioni fatte dalla gip non sono corrette». In merito alle conclusioni della relazione dei consulenti tecnici nominati dalla procura (Veronica Arcifa e Nello Grassi), sulla base della quale era stata richiesta l'archiviazione, la giudice afferma che sono «per un verso, contraddittorie e, per altro verso, non esaustive». 

Oltre a lacune sui valori della vittima - che dopo la prima operazione non sarebbero mai rientrate nelle norma -, mancanze nel referto operatorio e contraddizioni su una perforazione intestinale e sulla successiva peritonite (ipotizzata come causa della morte della donna), la gip fa notare che non viene spiegato il motivo per cui dall'autopsia non emerge nulla che spieghi il decesso per polmonite dovuta al batterio Klebsiella. «La signora è morta a causa di un'infezione che ha contratto in ospedale dopo l'operazione - sostiene il legale - E di questo non può certo ritenersi responsabile il mio assistito. Tra l'altro - aggiunge Peluso - la gip ha omesso di rilevare che i consulenti del pm hanno isolato il batterio nelle analisi sul cadavere della donna». A fare chiarezza sull'intera vicenda, adesso, potrebbe essere un processo.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×