Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Acireale, parla la ragazza che ha travolto il 65enne
«Non sono scappata, ho chiamato subito mio padre»

La giovane, che è indagata per omicidio stradale, ha scritto un post su Facebook: «Sono una brava persona, ho un cuore. Sarà una situazione che mi porterò dentro per sempre». Intanto è attesa per la prossima settimana la chiusura dell'istruttoria dei vigili urbani

Carmelo Lombardo

Foto di: acireale social

Foto di: acireale social

«Non sono scappata, non sarei riuscita a farlo. Sono una brava persona, ho un cuore». La 24enne che lunedì sera ha travolto un uomo in via Gozzano, ad Acireale, decide di rompere il silenzio, esordendo con queste parole in un post pubblicato sul suo profilo Facebook. A perdere la vita nell’incidente è stato l’acese di 65 anni Abramo Sciacca, pasticcere in pensione, che in quel momento si trovava ad attraversare la strada. Tuttavia, secondo le testimonianze, la ragazza si sarebbe costituita dopo un po’, senza prestare soccorso all’uomo. «Non capita a tutti di avere un incidente con un morto - scrive la ragazza - Nonostante tutto ho avuto la lucidità di prendere subito il telefono e accostarmi dopo cento metri (forse anche meno) e chiamare mio padre, che ha avvisato subito i carabinieri. Ho le prove delle telefonate, che sono già andate a chi di dovere». Intanto sui fatti proseguono le indagini, condotte in primo luogo dalla polizia municipale e coordinate dalla procura di Catania.

Raggiunto al telefono da MeridioNews, il comandante della polizia municipale acese Antonino Molino prova a fare chiarezza. «Purtroppo, per l’ordinamento e per le disposizioni regolate dall’articolo 189 del codice della strada non cambia nulla - afferma Molino - In questo momento sono tre le ipotesi di reato: fuga, omissione di soccorso e omicidio stradale. Non ho letto le parole della ragazza, ma allontanarsi dall’incidente e non prestare soccorso costituiscono dei reati, non importa quanti metri si percorrono o cosa succede dopo. La prossima settimana si concluderà l’attività istruttoria».

Una morte che non si è potuta evitare, nonostante il tentato soccorso di Antonino Sciuto, il vigile urbano che, appena finito il proprio turno, si è trovato sul posto e ha provato, invano, a rianimare la vittima. L’incidente di lunedì ha portato via un padre e una persona stimata in città, ma dall’altra parte ha lasciato anche forti ripercussioni sulla ragazza, che sui social è stata oggetto di critiche. «Sarà una situazione che mi porterò per sempre, sono distrutta della ferita che ho causato all’uomo e alla famiglia - spiega - Io non ero in giro, stavo andando a fare la spesa. Abbiate la delicatezza di non sparare a zero».

In seguito all'incidente era circolata la voce circa la sparizione del portafogli della vittima. Un fatto smentito dal comandente dei vigili urbani. «Ho sentito e letto cose non vere - conclude Molino - Al momento dell’incidente la vittima era senza portafoglio, siamo risaliti al nome tramite riconoscimenti e l’ufficio Anagrafe. Almeno per il momento, non è arrivata nessuna denuncia di furto da parte dei parenti».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×