Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Errore di notifica, salta il processo a Rossitto
Il prof accusato da cinque studentesse

Tre udienze e nessun passo avanti per il processo a carico del professore universitario di Catania accusato di tentata violenza sessuale nei confronti di cinque studentesse. Il giudice ha accolto l'eccezione sollevata dal legale del docente, che chiedeva l’annullamento di tutti gli atti nei suoi confronti perché recapitati a un domicilio diverso da quello indicato al magistrato. Il caso torna nelle mani del pm e i tempi si allungano

Federica Motta

Accolta l'eccezione sollevata dall'avvocato Attilio Floresta, difensore del professore Elio Rossitto. E per il processo all'ex docente della facoltà di Scienze politiche di Cataniaaccusato di tentata concussione e violenza nei confronti di cinque studentesse, si allungano ulteriormente i tempi.

«Per il principio di omessa notifica - ha detto il Gup - è necessaria la ritrasmissione degli atti al pubblico ministero», Lina Trovato. Lo ha stabilito il giudice dell'udienza preliminare, Giuseppe Fichera, che dopo ben due udienze saltate a causa di un errore burocratico nelle notifiche inviate all'imputato - recapitate a un domicilio diverso da quello indicato al magistrato - questa mattina ha rinviato l'inizio del processo al prossimo 10 dicembre. Ma solo per il professore Francesco La Pergola, dipendente dell’ateneo accusato di falso in atti pubblici in concorso con il docente di Scienze politiche per aver falsificato, secondo l’accusa, la registrazione informatica degli esami. Per Rossitto, invece, è tutto da rifare. Bisognerà restituire la documentazione al pm che dovrà notificare da capo l'avviso di conclusione delle indagini. E poi quello dell'inizio delle udienze. Tutto a causa di un recapito sbagliato. «Le notifiche emesse dal Gip erano regolari», ha dichiarato il giudice in aula. Quelle emesse dalla Procura, invece, sarebbero state inviate ad un indirizzo diverso dell'imputato. Quello del legale. E formalmente risultano nulle, anche se pervenute al destinatario.

«Ora si allungano inevitabilmente tempi», spiega Milena Occhipinti, legale di Dominique Sanò, la prima studentessa ad aver fatto scoppiare il caso portandolo in tv alla trasmissione Le Iene. «Tutto ritorna nelle mani del pm e non solo in maniera formale, ma sostanziale. Si dovrà ricelebrare l'udienza preliminare». Un errore apparentemente banale che adesso rischia di far arenare un processo che già faticava ad iniziare. Nonostante l'errore nell'invio della notifica a Rossitto fosse presente già a conclusione delle indagini, la richiesta di rinvio sollevata dal suo legale non è stata ritenuta tardiva. «Tecnicamente poteva essere fatto presente prima - dice la Occhipinti - ma il giudice non se n'è accorto. E la scelta della difesa di sollevare l'errore solo adesso, strategicamente ci sta tutta. Qualsiasi legale l'avrebbe fatto».

Ora non resta che attendere l'invio delle notifiche corrette. E se si rimediasse a partire da domani stesso, paradossalmente in un paio di mesi si potrebbe riprendere il processo. Anche se, inconvenienti a parte, c'è il rischi che slitti ancora al prossimo anno.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×