Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Critiche sul progetto di riqualificazione dell'ex Santa Marta
«Non bisogna chiedersi se è bello o brutto, ma se è giusto»

«È stato calato dall'alto, un'imposizione», lamenta a MeridioNews la presidente di Legambiente Viola Sorbello. «Il nostro quartiere, quello su cui è stata fondata la città, non può essere solo una fabbrica di spazi», dice Salvo Castro del comitato Antico Corso

Marta Silvestre

«Non c'é un progetto finanziato in Europa che non preveda la partecipazione dei cittadini come condicio sine qua non. Catania fa eccezione». Per Legambiente l'anomalia tutta catanese riguarderebbe, in questo caso, la riqualificazione dell'ex ospedale Santa Marta-VillermosaIl progetto prevede la realizzazione di una grande struttura porticata di 14 metri di altezza. «Al di là dell'aspetto estetico - sottolinea a MeridioNews Salvatore Castro del comitato Antico Corso - la questione è soprattutto metodologica e partecipativa». La struttura, realizzata negli anni Sessanta, è stata dismessa con la ridefinizione delle rete sanitaria regionale. Due giorni fa, è stato presentato il progetto - ideato dallo studio dell'architetto Giuseppe Scannella - che ha già ottenuto l'approvazione del presidente della Regione Nello Musumeci e del sindaco di Catania Salvo Pogliese. Lo stesso non si può certo dire di cittadini, associazioni e comitati locali che sul web e sui social non hanno fatto mistero del proprio disappunto

«A livello estetico può piacere o non piacere. E questo progetto, comunque, non è piaciuto - sottolinea a MeridioNews la presidente di Legambiente Catania Viola Sorbello - perché è una struttura mastodontica, invasiva e imponente che prevede cemento su cemento e che chiude lo spazio». L'associazione ambientalista ha anche dato vita, sulla propria pagina Facebook, a un sondaggio che tra il serio e il faceto dà ai cittadini la possibilità di votare il progetto che preferirebbero. La scelta sta ricadendo su un'immagine con una grande piazza piena di verde. «I nostri amministratori dimostrano scarsa conoscenza dei processi partecipativi e presunzione nell'adottare modelli di politica diversa da quella adottata in tutta Europa. Soffrono - aggiunge - anche dell'horror vacui (l'orrore del vuoto, ndr) e, quindi, tendono a riempire ogni spazio che si viene a creare». Al di là dell'estetica, le critiche si concentrano sulle modalità di quello che è stato visto come un progetto calato dall'alto, senza la consultazione della società civile. «Questo non è un metodo democratico, ma è una violenza, un'imposizione - lamenta la presidente di Legambiente - che non tiene conto delle esigenze del territorio e delle persone che lo abitano. 

E lo sanno bene gli attivisti del comitato Antico Corso. «Da anni, noi ci battiamo per fare in modo che questo territorio non venga visto come una fabbrica di spazi - dice Castro - in cui la popolazione è marginalizzata ed estromessa». Anche quando i processi decisionali hanno poi delle conseguenze importanti. «Dopo la chiusura dei presidi ospedalieri, abbiamo assistito al crollo del mercato immobiliare e alla chiusura di tante attività commerciali». Adesso, per questa opera di riqualificazione nel quartiere «ancora una volta non si è tenuto conto dei bisogni della collettiva e, per progettare, non si è partiti dall'utilizzo della struttura e nemmeno dalla risposta economica che può avere il territorio». Che, tra l'altro, è quello su cui è avvenuta la fondazione della città e che, negli anni, è già stato devastato. «Non si può non prendere in considerazione il fatto - conclude Castro - che si tratta di un quartiere fragile da diversi punti di vista. E, quindi, la domanda da porsi cui non dovrebbe essere: "è bello o brutto?", quanto piuttosto: "è giusto?

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×