Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

La chemioterapia grillina, annullare gli altri
La riflessione di un avvocato sul M5s

«Negare l’esistenza di persone, di storie, di movimenti e anche di partiti che quando il proprietario del M5s andava in tv a Fantastico lottavano per una politica diversa». Partendo dagli attacchi ricevuti dopo una discussione su Fb a proposito della demoraticità di Grillo, il penalista catanese Goffredo D'Antona, fondatore dell'Osservatorio sui diritti, avanza un'analisi sul movimento. «La rabbia grillina contro chi la pensa diversamente, non è dovuta solo all’abuso del web. Ha radici molto più gravi. Ha le radici nella colpa»

Redazione

«E allora continuiamo a votare Fini».

Questa frase mi fu detta qualche giorno dopo le elezioni politiche, da una persona che conosco da tanti e tanti anni. Il problema, la cosa che mi ha lasciato perplesso, molto perplesso, è che questa persona sa perfettamente che io non ho mai votato Fini, né Casini, né Pd etc., mentre lui in passato ha votato proprio per Fini. Il suo tono era come quello di chi scarica sugli altri le colpe proprie, ingannando se stesso ed il mondo.

Tempo fa con altri amici-compagni abbiamo organizzato un evento su Fb sul quale si discuteva della democraticità di Grillo, e dei rapporti suoi e del Movimento 5 stelle con Casa Pound. Tra le migliaia di insulti, alcuni provenienti anche da ex amici, una tipologia di epiteti mi ha fatto molto riflettere. «Gli organizzatori di questo evento non hanno mai fatto niente in vita loro e adesso che vedono una forza nuova all'orizzonte hanno paura». Non mi interessa lo spessore ed il passato di chi ha ideato con me l’evento riflessione, compagne che a Genova nel 2001 scappavano dalla polizia, avvocati che si battono da sempre per i diritti degli ultimi. Non è questo.

Ciò che mi preme sottolineare è la chemioterapia grillina.

«E allora continuiamo a votare Fini», come se in questi ultimi 50 anni in Italia non vi sia stata un’altra maniera di fare politica. Ecco la chemioterapia grillina, annullare tutto e tutti, negare l’esistenza di persone, di storie, di movimenti e anche di partiti che quando il proprietario del M5s andava in tv a Fantastico lottavano per una politica diversa. Questi non sono mai esistiti, forse perché la storia di queste persone non è nell’effimero web, ma nelle pagine dei libri di storia, o nelle lapidi commemorative delle nostre città. Oppure semplicemente perché non ci deve essere spazio che per loro.

La rabbia grillina, quest’odio profondo per chi la pensa diversamente, per chi si permette di ironizzare, non è dovuta solo a nuove forme espressive, all’abuso del web che distrugge le forme di creanza e di rispetto. Ha radici molto più gravi. Ha le radici nella colpa. Chi sono i nuovi elettori grillini? Quell’evento ci ha fatto capire, ma non occorre essere dei fini politologi, che molti provengono dal Pd. Tutti questi hanno voluto dare una lezione alla Sinistra votando M5s.

Piccole riflessioni. Apprendo che il Pd è di sinistra. Rilevo che la lezione, se c'è stata, non è stata ben capita. Anche D’Alema è tornato in auge. Infine che coloro che oggi si scagliano contro la politica sono tra i maggiori responsabili di questa politica. Ma sono piccole riflessioni. La chemioterapia grillina, il loro superamento delle ideologie (ovvero le grandi intese in auge), in breve l’annullamento della Storia, della nostra Storia, ecco questo è quello che realmente mi preoccupa.

Testo di Goffredo D'Antona, avvocato penalista.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×