Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

La protesta dei ristoratori contro le chiusure. Due i sit-in
Presidente Fipe: «Sistema al collasso. Vogliamo lavorare»

Confcommercio ha dato appuntamento agli iscritti davanti alla villa Bellini. Il nuovo movimento Ristoratori siciliani indipendenti si è invece radunato in piazza Stesicoro. «Le nostre attività sono luoghi sicuri», commenta Dario Pistorio. Guarda il video

Redazione

« I ristoranti per noi sono luoghi sicuri. Basti pensare che nella provincia di Bolzano sono già aperti in sicurezza. L'economia totale del pubblico esercizio si è azzerata e in Sicilia nel 2020 abbiamo perso oltre due milioni di euro». A parlare è il presidente regionale della Fipe Confcommercio Dario Pistorio, stamane a Catania in testa a una manifestazione organizzata dai ristoratori e dagli operatori del settore per protestare contro la zona rossa e la chiusura di bar, ristoranti, pizzerie e pub.

Una cinquantina di esercenti, considerate le restrizioni anti-Covid 19, hanno partecipato all'appuntamento. Tutti muniti di mascherina e rispettando il distanziamento. In Sicilia sono 15mila gli esercizi pubblici associati alla Fipe Confcommercio, il 70 per cento dei quali ristoratori e bar. Secondo i dati, il 90 per cento ha sofferto la crisi dovuta alla pandemia perché non ha potuto esercitare la propria attività. Nel 2020 i bar hanno avuto un calo del 60 per cento, i ristoratori dell'85 per cento. In totale, nell'Isola vi sono stati due milioni 730 mila euro di perdite nel comparto

«Fa arrabbiare il fatto che le zone gialle, arancioni e rosse non funzionano - spiega lo chef e presidente di Fipe Catania Giovanni Trimboli - C'è un'anarchia totale. La politica faccia il proprio ruolo mentre noi facciamo impresa nel modo migliore, rispettando le regole». Trimboli lamenta anche il fatto che il ristorante di palazzo dei Normanni - sede dell'Assemblea regionale siciliana - proprio oggi è aperto. Mentre i ristoratori protestano, all'Ars riferisce l'assessore alla Salute Ruggero Razza. La discussione, con gli interventi dei deputati, riprenderà nel pomeriggio. «Non vorrei che chi ci bacchetta possa permettersi tutto», conclude Trimboli. 

Contemporaneamente alla manifestazione di Confcommercio è andata in scena la protesta della nuova sigla Ristoratori siciliani indipendenti, con al vertice l'imprenditore Roberto Tudisco. «Nasciamo perché siamo abbandonati e puniti da questo governo di incompetenti che ci ha ridotto alla fame - commenta - da un anno siamo sotto scacco di una dittatura che non ci permette di lavorare. Siamo stati lasciati soli anche dalle associazioni di categoria, le stesse che avrebbero dovuto tutelarci». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×