Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Prof di Unict diventa presidente dei vulcanologi italiani
Viccaro: «Bisogna puntare molto sui giovani ricercatori»

Originario della Liguria, Marco Viccaro da tempo insegna Geochimica all'Università di Catania. L'Aiv - associazione nata nel 2006 - lo ha nominato presidente nazionale per i prossimi tre anni. «La comunità ha bisogno di riaggregarsi, ma aspettiamo passi il Covid»

Carmelo Lombardo

«Sì, l’assemblea ha deciso che sarò il prossimo presidente». Tra una videochiamata e gli impegni legati alla nuova nomina, mentre parla a MeridioNews, Marco Viccaro non si lascia scappare un sorriso. Viccaro, docente di Geochimica e Vulcanologia al dipartimento di Scienze biologiche, geologiche e ambientali dell’Università di Catania, è stato nominato presidente dall’Aiv, l'associazione italiana di vulcanologia nata nel 2006. Guiderà per i prossimi tre anni le iniziative e la promozione di attività didattiche e di approfondimento, legate alla vulcanologia su tutto il territorio nazionale.

«Dobbiamo pensare ai ricercatori e agli studenti. Il prossimo obiettivo sarà realizzare una conferenza Rittmann per ricercatori più giovani, insieme ai componenti dell’Ingv (Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, ndr) - continua - Prima della pandemia ne abbiamo realizzato una al monastero dei Benedettini di Catania; è stata una iniziativa prestigiosa anche per l’Università. Adesso - continua - dobbiamo prima pensare a rasserenarci. La comunità dei vulcanologi ha bisogno di riaggregarsi. Ovviamente non è possibile fare gli incontri e le conferenze in presenza, quindi attendiamo».

Da quasi vent’anni Viccaro ha lasciato Genova, sua città d’origine dove si è laureato nel 2003 con una tesi sperimentale in Vulcanologia. A marzo 2007, consegue il titolo di dottore di ricerca in Petrografia e Petrologia all’Università di Catania. Approfondisce la sua ricerca attraverso la Vulcanologia e la Geochimica, per poi intraprendere la carriera da docente nell'ateneo etneo. Nel 2009 insegna Rilevamento - Modulo di Vulcanologia e nel 2010 diventa titolare dell’insegnamento di Geochimica e Di Vulcanologia Regionale. Dal 2015 è anche titolare dell’insegnamento di Risorse Geotermiche e Applicazioni. L’esperienza maturata attraverso gli anni di insegnamento lo porta a diventare presidente del corso di studio in Scienze geofisiche. Gli oggetti di ricerca di Viccaro si sono incentrati sui processi di genesi, differenziazione e risalita dei magmi, a cui si sono aggiunti studi scientifici, svolti anche attraverso sistemi Gis (Geographic Information System, ndr), sulla tettonica attiva e le dinamiche intratelluriche.

«Tutti i vulcani attivi sono spettacolari quanto pericolosi - osserva Viccaro - Pensiamo subito all’Etna, ma spesso ci si dimentica dei fenomeni a cui assistiamo nelle Isole Eolie, a Lipari o Stromboli, dove nel 2019 abbiamo avuto dei fenomeni di notevole entità. Lo studio della Vulcanologia è importante, l'oggetto di cui si occupa ha un livello di pericolosità elevato, che spesso molti tendono a mininimizzare».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×