Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Caso Ylenia, l'ex amica è capace di intendere e volere?
Chiesta una perizia. Le immagini dell'auto dopo delitto

L'incidente probatorio si svolgerà in settimana. Daniela Agata Nicotra è detenuta da metà dicembre a piazza Lanza. Intanto emergono altri dettagli sui fatti. MeridioNews pubblica in esclusiva alcune foto della macchina dopo l'accoltellamento

Dario De Luca

«Accertare se l'indagata sia in grado di partecipare coscientemente al procedimento e se fosse, al momento di compiere il fatto, capace di intendere e di volere». È questo il passaggio chiave della richiesta di incidente probatorio depositata lo scorso 27 gennaio dalla procura di Catania negli uffici del giudice per le indagini preliminari. Sotto la lente d'ingrandimento torna Daniela Agata Nicotra. La 34enne, attualmente detenuta, accusata di avere ucciso la sera del 9 dicembre 2020 Ylenia Bonavera. La vittima, 26 anni, venne colpita dall'amica con un coltello all'altezza della spalla destra, durante una lite tra via Santa Maria delle Salette e via della Concordia, a Catania. Attimi concitati immortalati in un video amatoriale che MeridioNews l'indomani pubblicò in esclusiva. Quel pomeriggio negli uffici della questura, accompagnata dal suo avvocato e sostenendo di essersi difesa, si recò anche la 34enne, che ormai da quasi due mesi si trova in carcere con l'accusa di omicidio.

A spingere la procura sulla richiesta di incidente probatorio, con il caso affidato ai magistrati Fabrizio Aliotta e Michela Maresca è una relazione dell'Azienda sanitaria provinciale di Catania datata 22 gennaio. Nel referto vengono elencati una serie di disturbi che affliggerebbero Nicotra comprese alcune complicanze dovute allo stato di «assuntrice di sostanze stupefacenti». Inoltre, secondo quanto verificato da MeridioNews, nelle scorse settimane l'indagata si sarebbe resa protagonista di almeno una rissa all'interno della casa circondariale di piazza Lanza, dov'è detenuta. Sottoposta prima a fermo e poi a misura cautelare ormai dal 10 dicembre 2020.

«Insieme al perito del tribunale, come consulente di parte, abbiamo scelto la dottoressa Mariapia Cocivera, psicopedagogista clinica e criminologa investigativa», spiega a MeridioNews l'avvocata Vittoria Santoro che assiste, insieme al legale Domenico Rizzotti, la mamma della vittima. «Attendiamo inoltre - aggiunge Santoro - notizie sulla perizia dello smartphone di Ylenia, di cui si sta occupando la polizia postale». Insieme alla richiesta di incidente probatorio i magistrati hanno depositato una nota della casa circondariale datata 26 gennaio e il verbale d'interrogatorio di Nicotra. 

Poche pagine in cui la 34enne raccontò agli inquirenti il rapporto di amicizia con la vittima e la sua versione su come sarebbe andata la sera dell'accoltellamento. «Ammetto di averla colpita - spiegava - Siamo scese dalle auto e siamo venute alle mani. Ci siamo afferrate e mi ha colpita all'occhio procurandomi un taglio. Non ci ho più visto e mi sono detta "sanguino io e sanguini tu"». Come si vede chiaramente dal video, Nicotra si allontana dalla 26enne e prende un coltello all'interno della sua macchina, ma dal lato passeggero. Perché aveva un'arma? «Avevo subito delle rapine e lo portavo con me per difendermi», ha raccontato. 

Dopo l'accoltellamento le strade delle due amiche si dividono. Nicotra sale a bordo della sua Mini Cooper bianca e scappa insieme a due ragazze. Ylenia, con tutti i vestiti sporchi di sangue, viene portata in ospedale. Ad accompagnarla è un'amica che si mette al volante della Smart della vittima. Al Garibaldi arrivano alle 21.18, poco più di mezz'ora dopo ne viene dichiarata la morte. A circolare nelle prime fasi - e ripresa anche da alcuni organi di stampa - la notizia che la causa del decesso era attribuibile a un'overdose. La pista però si rivela un abbaglio, come confermato successivamente dall'autopsia. 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×