Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Biancavilla, ricoverato per Covid-19 scappa dall'ospedale
«Ingresso non presidiato, gli infermieri non l'hanno visto»

Il 64enne di Maletto era entrato nel nosocomio ieri mattina. Oggi, in pigiama e con gli effetti personali in una busta di plastica, è andato via prendendo la littorina di Fce. «I reparti non possono essere blindati», dice a MeridioNews il direttore sanitario

Marta Silvestre

In pigiama e con una borsa di plastica con dentro tutti i suoi effetti personali. Così un 64enne di Maletto è scappato questa mattina dall'ospedale Covid di Biancavilla, dove era stato ricoverato ieri mattina per avere contratto il coronavirus in una forma piuttosto forte: l'uomo, infatti, ha una polmonite interstiziale bilaterale e non satura bene. Non è bastato questo a fermarlo. Stando a quanto ricostruito finora, l'uomo avrebbe preso la littorina della Ferrovia Circumetnea alla fermata della stazione di Biancavilla alle 7.20 e sarebbe sceso a Maletto. Poi, a piedi, sarebbe tornato a casa dove la madre con cui vive, consapevole della positività al Covid-19, lo ha isolato in una stanza

«I reparti, per sicurezza, non possono essere blindati - risponde a MeridioNews il direttore sanitario del presidio di Biancavilla Mario Patanè - Le porte antipanico, anzi, sono semplici da aprire proprio perché l'uscita deve essere facilitata, per esempio in caso di incendio». Al di là delle questioni logistiche, ci si chiede come sia stato possibile che il 64enne abbia potuto agire indisturbato. «C'è solo una guardia giurata davanti al Pronto soccorso - spiega Patanè - mentre l'ingresso principale della struttura non è presidiato. Gli infermieri che erano di turno in reparto - assicura il direttore sanitario - mi hanno detto di non averlo visto». L'uomo, che adesso è stato di nuovo ricoverato in ospedale, rischia una denuncia. Dell'accaduto, infatti, sono già stati avvisati sia i carabinieri di Biancavilla che quelli di Maletto

Impiegato come applicato di segreteria in una scuola di Catania, chi lo conosce parla di lui come una «persona per bene, che non ha mai dato fastidio o segni di squilibrio. Mai ci si poteva aspettare un gesto del genere, così sconsiderato». Eppure pare che, di fronte ai sanitari tornati a prenderlo per riportarlo in ospedale, in merito al suo allontanamento abbia dato risposte piuttosto confuse. «Ha detto che aveva letto il suo nome scritto in rosso in una lista - riferisce a MeridioNews il sindaco di Maletto Pippo De Luca, che si è attivato per ricostruire gli spostamenti del 64enne e avvisare le forze dell'ordine e i sanitari - Un colore che avrebbe significato essere uccisi e poi pagati». L'uomo, adesso, è stato nuovamente ricoverato. «Lo abbiamo riaccolto - conclude il direttore sanitario - e ho disposto che venga visitato anche da uno psicologo addetto ai pazienti Covid». 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×