Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Pasta alla Norma patrimonio Unesco, la proposta di Fipe
«Piatto simbolo della Sicilia e di tutto il Mediterraneo»

Inserire la specialità isolana tra i beni immateriali dell'umanità. Questa l'iniziativa di Federazione italiana pubblici esercizi di Confcommercio Catania. «Una ricetta che coniuga cultura e tradizioni», dichiara a MeridioNews Giovanni Trimboli

Carmelo Lombardo

Foto di: nonsprecare.it

Foto di: nonsprecare.it

La pasta alla Norma riconosciuta come patrimonio Unesco. È la causa che Fipe Confcommercio (Federezione italiana pubblici esercizi) di Catania sta portando avanti. L'iniziativa, già presa a cuore da alcuni chef e professionisti etnei del settore, va avanti da circa sei mesi.

«La pasta alla Norma con i suoi ingredienti si può configurare come un piatto unico dell'area del Mediterraneo - spiega Giovanni Trimboli, chef e membro di Fipe a MeridioNews - Il riconoscimento Unesco potrebbe avere una risonanza forte sia sul piano dell'immagine che sull'impatto economico della Sicilia. Parliamo di un piatto semplice, ma che allo stesso tempo riesce a coniugare la storia e la cultura di un popolo». 

Non sono chiare le origini del piatto che vede l'incontro della pasta con le melenzane, olio e pomodoro e che ha nella ricotta salata il proprio completamento. Il nome viene spesso accostato all'opera del catanese Vincenzo Bellini. Si racconta infatti che mentre il compositore si trovava a Milano, dopo la prima presentazione dell'opera assaggiò il piatto di pasta talmente buono da battezzarlo con lo stesso nome della sua composizione. Lo stesso nome che il regista e scrittore Nino Martoglio esclamò davanti al piatto di pasta che gli venne portato durante un pranzo.

Trimboli, chef e direttore di una scuola di cucina, come prossimo passo pensa all'allestimento di una sagra itinerante a Catania che metta al centro la pasta alla Norma. «Da tempo molte località cercano di puntare su specialità e tradizioni culinarie - continua Trimboli - Lo abbiamo visto, per esempio, ad Alba (in Piemonte ndr) e in Campania dove il tartufo e la pizza hanno ricevuto lo stesso riconoscimento. Per noi siciliani sarebbe un bel traguardo. Adesso stiamo cercando di proporre l'iniziativa alla politica regionale e al settore produttivo, così che si possa - conclude - esportare l'iniziativa anche anche fuori dai nostri confini».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×