Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Corso Italia, chiude il salotto della città
«Colpa della crisi, delle tasse e degli outlet»

E' da sempre il luogo dove trovare le marche più chic e i prezzi più alti, ma anche in corso Italia aumentano le botteghe sfitte. Solo i clienti abituali garantiscono la sopravvivenza di quello che, nonostante le difficoltà, si sforza di rimanere il centro del commercio per la Catania bene. Ma anche nei negozi storici si fanno i conti con la crisi e i commercianti guardano con pessimismo al futuro. Guarda le foto

Desirée Miranda

Il corso Italia a Catania è da sempre la strada in cui si concentrano buona parte dei negozi in cui è possibile trovare le marche più prestigiose e anche i prezzi più alti. Chi compra qui non ha grandi problemi economici. Eppure negli ultimi tempi sono sempre di più le botteghe chiuse con cartelli di affittasi. Dove prima c’era Benetton, ad esempio, adesso si vedono pezzi di manichini svestiti in vetrina e sulla porta un cartello con il numero da chiamare per chi fosse interessato ad affittare il locale.

Altri negozianti resistono «ma è difficile perché le spese sono fisse e i ricavi molto variabili e comunque sempre al ribasso», afferma Marcello Calabrò, titolare dell’omonimo negozio di abbigliamento in corso Italia da 15 anni. «Avevo quattro negozi, uno ho dovuto chiuderlo e sto pensando di chiuderne un altro», dichiara. E il ritornello sembra essere lo stesso anche per gli altri commercianti. «Le cose vanno male per tutti e oltre a coccolare i clienti non c’è altro che possiamo fare perché non dipende da noi, ma dai politici», afferma Anna Mangiù, titolare del punto vendita Max Mara, attivo da 14 anni.

Il problema è semplice secondo Antonietta Ragone, responsabile di Bagagli: «Non ci sono soldi». Al di là di professionalità, educazione e gentilezza, «fondamentali per potere fare questo mestiere», dice Ragone, non molto si può fare per attirare la clientela e si sopravvive soprattutto grazie ai clienti abituali. Ma anche loro comprano meno. Gli sconti speciali poi, sono «inopportuni  perché sarebbe come svendere il negozio e noi offriamo sempre alta qualità e professionalità», sottollinea Ragone.

La colpa è della crisi che attanaglia ogni settore dell’economia da circa due anni - su questo i negozianti sono tutti d’accordo - ma un ruolo importante lo ricoprono anche i centri commerciali e, «soprattutto gli outlet» secondo Calabrò. «Il governo non fa altro che aggiungere o aumentare tasse - conclude il commerciante - Speriamo che il vento cambi, perché così non è per nulla facile».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×