Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Sarà a San Berillo la prima telecamera di sorveglianza
Pogliese: «Una svolta in termini di sicurezza e vivibilità»

In tutto saranno 213 gli occhi elettronici che verranno posizionati in tutta la città «come elemento di prevenzione e repressione dei fenomeni di criminalità diffusa». Non solo nel centro storico, la rete coprirà anche periferie, parchi, centri sportivi e aree mercatali

Redazione

Foto di: ElasticComputeFarm

Foto di: ElasticComputeFarm

La prima videocamera di sorveglianza del territorio di Catania sarà installata e attivata domani mattina alle 10.30 nel vecchio quartiere di San Berillo. Con l'apertura del cantiere, a cui saranno presenti il sindaco Salvo Pogliese e i rappresentanti della prefettura e della questura, comincia l'attivazione di 213 telecamere che verranno posizionate in tutta la città «come elemento di prevenzione e repressione dei fenomeni di criminalità diffusa».

Nelle scorse settimane, l’amministrazione comunale ha appaltato a una ditta specializzata nei sistemi di videosorveglianza la messa in opera della rete di telecontrollo che verrà gestita dalla sala operativa dei sistemi di controllo interforze. «Una svolta per la città in termini di sicurezza e vivibilità - ha detto il primo cittadino - Finalmente potremo controllare il territorio per limitare i fenomeni legati alla microcriminalità e migliorare la percezione di sicurezza dei cittadini». E non è un caso che la prima telecamera sarà installata a sorvegliare San Berillo. «Non sfugge il valore anche simbolico di cominciare proprio dal vecchio quartiere - ha proseguito Pogliese - Una delle zone che i cittadini legittimamente considerano più a rischio».

Il progetto dell’amministrazione comunale finalizzato ad aumentare la percezione del grado di sicurezza dei cittadini verrà garantito sia nelle zone del centro storico, sia nei siti a vocazione turistica e aggregazione sociale, ma anche nei parchi e nei centri sportivi, nelle aree mercatali ad alta densità di commercio abusivo e nelle zone periferiche considerate più vulnerabili. I punti di installazione delle centraline di rete wireless, sono complessivamente 32, ognuna delle quali fornita da più telecamere: nel caso della zona del vecchio San Berillo, piazza della Repubblica e piazza Grenoble saranno 19 le telecamere che monitoreranno l’intera area 24 ore su 24.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×