Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Mafia, lo sposalizio tra le famiglie Scalisi e Siverino
Ascesa e improvvisa caduta di Antonio u Miliardario

L'inchiesta Follow the money ha portato a un maxi-sequestro di beni ritenuti collegati al boss Pippo Scarvaglieri. L'imprenditore del trasporto su gomme Antonio Siverino e il figlio Francesco, capaci di fare affari anche al Nord, sono accusati di concorso esterno

Simone Olivelli

Foto di: Robson Hatsukami Morgan

Foto di: Robson Hatsukami Morgan

«Arrivavamo che non ci potevamo comprare neanche un panino. Niente, non ce n'è soldi, non si mangia stasera». La storia di u Miliardario inizia da qui. All'epoca - siamo a metà anni Duemila - era semplicemente Antonio Siverino, proprietario di alcuni camion e redditi dichiarati pari a zero. Una vita non semplice, in cui bisognava fronteggiare eventualità come l'incendio dei mezzi. Poi però intorno al 2010 per l'uomo, all'epoca 35enne, arriva la svolta: il figlio Francesco si innamora della nipote del boss Pippo Scarvaglieri, il capo del clan Scalisi che, ad Adrano, rappresenta i Laudani. Quattro anni dopo, arriva il matrimonio a cui il capomafia - da vent'anni in carcere per scontare un ergastolo - non partecipa ma che benedice dalla cella del carcere di Sulmona (in provincia dell'Aquila, in Abruzzo). La riproposizione in chiave criminale di un classico come Miseria e Nobiltà è finita ieri per i Siverino con l'arresto e la pesante accusa di concorso esterno in associazione mafiosa.

Per la Dda di Catania, alla luce dei riscontri ottenuti dai finanzieri del Gico, padre e figlio hanno rappresentato per il boss Scarvaglieri il braccio imprenditoriale, la via migliore per investire i denari accumulati illecitamente e, al contempo, evitare aggressioni al patrimonio. Un tentativo che si è scontrato con il sequestro di beni immobili e societari per un valore di circa cinquanta milioni di euro. Il profilo che gli inquirenti tracciano di Antonio e Francesco Siverino è quello di persone che, per quanto vicine al clan Scalisi per la parentela acquisita, tentano di muoversi con circospezione, evitando di frequentare i soldati della cosca. Da qualche tempo tutta la famiglia vive a Valeggio sul Mincio, una cittadina veneta famosa per i tortellini. Nel Nord-Est, ma anche in Lombardia, i Siverino hanno esportato il business dell'autotrasporto su gomme, estendendolo anche al commercio di prodotti petroliferi. Le radici di tutta questa storia vanno però cercate nel Catenese: tra Biancavilla, dove prima risiedevano, e Adrano, il comune in cui il potere criminale è spartito tra il clan Santangelo - legato alla famiglia di Cosa nostra Santapaola-Ercolano - e appunto l'articolazione locale dei mussi di ficurinia rappresentata dagli Scalisi.

«L'ho conosciuto intorno al 2011 in una vicenda di soldi prestati a usura in cambio di assegni, ma senza avere prima chiesto a noi il permesso», ha raccontato ai magistrati il collaboratore di giustizia Gaetano Di Marco, all'epoca reggente del clan. Nell'ordinanza firmata dalla gip Loredana Pezzino sono tante le testimonianze di ex esponenti mafiosi che riconoscono i Siverino. Nel caso dei presunti prestiti usurai, quello che in un primo tempo sembrava un gesto di insubordinazione si trasforma in pochi giorni nella scoperta di protezioni importanti. «Carmelo l'Africano mi disse che era sotto la sua protezione e che mi avrebbe fatto un regalo per chiudere questa vicenda», ha spiegato Di Marco. L'Africano è Carmelo Pavone, esponente di spicco dei Laudani ad Acireale, attualmente in carcere dopo la condanna a oltre 13 anni nel processo Vicerè. Con l'Africano, Antonio u Miliardario avrebbe avuto anche interessi nel settore dei prodotti petroliferi. «Entrambi vendevano abusivamente carburante», ha messo a verbale il collaboratore.

Sul fatto che si conoscessero e che, a sua volta, il boss Scarvaglieri fosse legato a Pavone non ci sono dubbi. «Se c'è l'occasione, salutami l'Africano», dice alla fine di un colloquio in carcere il capomafia al nipote acquisito. Francesco Siverino lo rassicura: «Ti manda a salutare lui, non te lo stavo dicendo per...», si interrompe il ragazzo guardando la telecamera che osserva ciò che succede nella stanza. Il timore, più di una volta condiviso dallo stesso boss, è quello di rischiare che la direzione del carcere possa aggravare le misure. Nonostante tutto, Scarvaglieri ricorda al giovane Siverino che «se c'è qualche problema ti prendi l'aereo e vieni da zio; io ci sono, è come se sono presente».

In questa storia, tuttavia, non c'è spazio solo per gli affetti. Nelle carte dell'inchiesta è raccolta anche l'insofferenza del boss che, consapevole di dover restare in cella, temeva di non poter seguire con adeguatezza ciò che accadeva fuori. E questo anche per una certa ritrosia che i Siverino avrebbero a tratti mostrato nel riferire come andavano gli affari. «Sono cinque anni che sono privo di controllare pure l'attività», è una delle frasi intercettate dagli investigatori. Lo stesso boss poi afferma con disappunto: «Un nipote mio ora doveva prendere posizione al di sopra di me». Capita così che Pippo Scarvaglieri, anche per dare prova a se stesso di potere ancora gestire a proprio piacimento il denaro, chieda alla madre di spedirgli un giubbotto da tremila euro da comprare in una boutique a Catania. La donna, però, non avendo la liquidità e avendo imbarazzo a chiederla all'altro nipote Salvatore Calcagno (anche lui arrestato), decide di riparare su un giaccone nero meno costoso. «Permetti che mi devo vestire a mio gusto?», reclama il boss. E ripensando all'imbarazzo provato dalla madre: «Ti vergogni? Quelli (i soldi, ndr) sono miei e ti vergogni?»

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×