Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

A Catania il nuovo Piano urbanistico resta ancora in stallo
CittàInsieme: «Senza Prg, città accartocciata su se stessa»

Lo strumento di pianificazione del territorio è atteso da 50 anni. Quello in vigore è del 1969, tra i più vecchi d'Italia. «Servono studi di esperti ma il Comune non ha risorse», ammette l'assessore Trantino. «Si coinvolgano i cittadini», chiedono dall'associazione

Marta Silvestre

Foto di: CittàInsieme Catania

Foto di: CittàInsieme Catania

«Occuparsi dell'urbanistica è l'atto più politico che una città possa fare». È partendo da questo enunciato, che nulla a che vedere ha con le logiche partitiche, che Mirko Viola di CittàInsieme racconta a MeridioNews le iniziative che l'associazione ha messo già in agenda. «L'obiettivo del percorso dovrebbe essere il Prg (il piano regolatore generale che, con la nuova legge regionale sull'urbanistica, è diventato Pug, piano urbanistico generale) a cui arrivare anche con la partecipazione dei cittadini». A Catania lo strumento di pianificazione e governo del territorio comunale è atteso da oltre cinquant'anni. 

Quello attualmente in vigore, che risale al 1969 ed è uno dei più vecchi d'Italia, sembra destinato a rimanere ancora a lungo. «Per poter procedere - spiega a MeridioNews l'assessore al ramo Enrico Trantino - bisogna avere fatto diversi studi tematici». Da quello agricolo-forestale a quello geologico, da quello archeologico a quello demografico e socio-economico. «Il punto è che il Comune non ha risorse per pagare degli esperti esterni che se ne possano occupare - ammette Trantino - ma non ha nemmeno figure interne in grado di portare avanti questi lavori». La soluzione, non certo a breve termine, potrebbe arrivare da un fondo di rotazione della Regione. «Stiamo cercando di capire se sarà possibile accedervi. Al momento - conferma l'assessore - siamo in una fase di stallo».

Intanto, il tema del piano è tornato sul tavolo insieme al progetto che mira a trasformare in piazza l'ex ospedale Santa Marta e alle critiche di comitati, associazioni e cittadini che si sono sentiti esclusi. Situazione che va al di là della specifica questione e che riguarda, in generale, le scelte urbanistiche della città. «Fare il piano regolatore - afferma Viola - significa decidere cosa vuole fare da grande la città che, altrimenti, non si evolve e resta accartocciata su se stessa». L'avvio formale dei lavori sul nuovo Prg a Catania è partito nel dicembre del 2018, all'indomani della dichiarazione di dissesto. Durante l'annuncio, il sindaco Salvo Pogliese aveva assicurato che lo schema del piano regolatore - «documento da scrivere insieme alla città e a tutte le parti sociali» - sarebbe stato pronto entro il 2020. «Nello sforzo iniziale per immaginare il futuro della città in modo organico - sottolineano da CittàInsieme - vanno coinvolti i cittadini che, invece, non vengono mai ascoltati». 

Senza uno strumento di pianificazione, il rischio è quello di avere «tanti progetti piccoli e particolari, anche bellissimi e finanziatissimi - lamenta Viola - ma che non hanno un'anima e nemmeno una visione di insieme e, quindi, non esprimono il potenziale della città». Per questo, l'associazione chiede la convocazione urgente dal parte dell'amministrazione comunale di una consultazione permanente sul Prg. «Le norme sui processi partecipativi esistono - ricordano da CittàInsieme - e non sono state pensate come forma di ratifica di scelte già compiute, ma come il preludio di scelte ragionate, da compiersi prima dell’arrivo delle ruspe o dell’approvazione dei progetti di spesa». 

Per provare a ridisegnare la città, l'associazione partirà da un dibattito pubblico che vedrà come ospite l'assessore all'Urbanistica. «Ascolteremo i cittadini che vivono i quartieri, le vie e le piazze per raccogliere le loro impressioni sulla vivibilità della città e le loro visioni sul futuro - annunciano da CittàInsieme - e chiederemo audizioni alla commissione Urbanistica del Consiglio comunale per approfondire tutte le singole questioni aperte in materia». Dal Lungomare a Librino, dalla Fossa Creta alla Playa a San Giovanni Galermo e Picanello, da San Giorgio e Borgo-Sanzio a San Cristoforo e Antico Corso, da Cibali a Barriera. «E ancora - concludono - l’agenda urbana e la prevenzione sismica, i diritti edificatori derivanti dalle demolizioni e i progetti di rigenerazione urbana e riqualificazione».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×