Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Sant'Agata è in mostra tra archeologia e femminismo
«Visione del culto che passa dal rapporto con le strade»

L'esposizione è stata inaugurata il 5 febbraio alla Fon Art Gallery della fondazione Oelle al Four Points by Sheraton di Aci Castello. Domani in programma l'incontro con gli autori, il presidente del comitato e i rappresentanti delle candelore. Guarda le foto

Redazione

In occasione dell'ottava della festa, Sant’Agata incontra la tradizione e l'arte ad Aci Castello alla Fon Art Gallery della fondazione Oelle Mediterraneo anticoAdorando Agata On the road è il titolo della mostra che è stata inaugurata lo scorso 5 febbraio. «Un progetto con un duplice codice narrativo che - spiegano dalla fondazione - comprende racconti paralleli verso una visione altra del culto agatino, mettendone l’accento sul rapporto tra Agata e le strade, tra Agata e i suoni di una città senza filtri». Domani venerdì 12 febbraio, a partire dalle 17, al Four Points by Sheraton di Aci Castello ci sarà l’incontro con gli autori della mostra, il presidente del comitato festa di Sant’Agata e i rappresentanti di tutte le candelore.

Il percorso espositivo comprende un documentario ideato dall’archeologo Nicola Laneri e le opere fotografiche degli autori Gabriele Diego Bonsangue, Annita Del Zoppo, Carmelo Nicosia e Anna Tusa. Il progetto Adorando Agata On the road si apre con il video-documentario Adorando Agata che «si propone di investigare il ruolo svolto dalla donna nella spiritualità delle società antiche e, allo stesso tempo - spiegano dalla fondazione Oelle - attraverso il mescolamento delle immagini della festa di Sant’Agata e di oggetti archeologici legati alla devozione di figure femminili classiche». Un documentario che mette a nudo la devozione del popolo catanese che, tra il 3 e il 5 febbraio, si ferma per vestirsi di bianco e seguire la donna catanese per eccellenza. Quella di Sant'Agata è «una festa dedicata a una donna che - come a Palermo per Santa Rosalia e a Siracusa per Santa Lucia - trasforma quella dimensione maschilista tipica della società siciliana in qualcosa di diverso: Agata diviene la madre di tutti i devoti». 

Il percorso espositivo continua con un’inedita esposizione di fotografia contemporanea. A partire dalla sequenza fotografica di Gabriele Diego Bonsangue dal titolo Segni urbani di devozione, ideata con l’intento di mappare e documentare le edicole votive dedicate alla Santa Patrona del capoluogo etneo. «Un progetto che evidenzia la profonda relazione tra fede, cultura popolare e città», spiegano. La foto di Carmelo Nicosia Agata on the road «esalta il mix tra sacro e profano»: riproduce un murale, un affresco contemporaneo realizzato all'esterno del muro di cinta della sede di Barriera dell'Accademia di Belle Arti di Catania «assommando in sé il volto pop penetrante e sorridente della Santa e i colori di Catania». L'immagine di Anna Tusa dal titolo L'incontro proietta lo spettatore nel cuore della festa con gli occhi di un devoto. Quando avvolto dalla maestosa architettura barocca della Collegiata in un’atmosfera sospesa, attende il passaggio del fercolo della Santa che incontra la folla riunita per lei. Sotto una pioggia battente, la processione avanza lentamente, tra preghiere, penitenza, folklore e canti di devozione

Nella serie di scatti Cittadini di Annita Del Zoppo, invece, viene mostrata la ritualità preparatoria alla festa: il devoto e la città tutta si vestono di bianco. Così inizia quel viaggio che porterà, attraverso le personali manifestazioni di fede, a trainare il fercolo, a condurre in processione il proprio cero votivo o, semplicemente, a seguire silenziosamente la processione. La foto Agata/Kali di un autore anonimo, ritrovata in un deposito di un’accademia d’arte, chiude il percorso espositivo con la «sorprendente sovrapposizione delle due potenti icone femminili, in un ponte simbolico tra la devozione popolare catanese e quella indù». In ottemperanza alle norme per le misure di prevenzione della diffusione del contagio da Covid-19, la galleria è visitabile solo su appuntamento

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×