Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Pulsional gender art, corpo senza pregiudizi
L’arte tra erotismo estremo e provocazione

Vitaldo Conte, critico e artista romano, ha presentato ad Art Factory 03, a Catania, la sua ultima fatica letteraria Pulsional gender art. Ad accompagnare l’autore attraverso un dialogo lungo le manifestazioni estreme dell’arte, il filosofo Carmelo Strano. «Se non pulsiamo, non viviamo in nessun mondo», spiega Conte

Cassandra Di Giacomo

Vitaldo Conte è teorico e curatore dell’arte, saggista e autore di diverse pubblicazioni di poesia lineare nonché docente di Storia dell’Arte in varie accademie di Belle Arti italiane. Il suo ultimo saggio s’intitola Pulsional gender art e conduce in un viaggio borderline tra emergenze storiche e ultime dall’arte contemporanea. Il libro si compone di tre sezioni che hanno lo scopo di presentare manifestazioni artistiche fortemente legate agli impulsi erotici, al desiderio, alla pulsione nell’accezione tipicamente freudiana del termine. Extreme body art, bondage e post porno art, trans gender cyber sex, human installation, scrittura sul corpo, make up, sono le avanguardie alla base del testo. «All’inizio la vita di queste manifestazioni eccessive d’arte, intrinsecamente legate alla fascinazione della vita, è stata dura. I contenuti spesso spaventano ma il movimento è sveglio e pulsante», racconta lo scrittore.

L’indagine sulle nuove poetiche d’arte sociologica è impreziosita dalla scelta di soffermarsi sul Futurismo da Julius Evola a Dada alle feste-rivoluzione di Fiume per approdare all’odierno Futurismo. Letture e approfondimenti su eros e tradizioni ad esso legate chiudono le tre sezioni del saggio.

«L’importante è pulsare e considerare questo fenomeno biologico come una provocazione verso il fare, verso il sentire, verso il già fatto. La pulsione e la trasgressione, che sono archetipo dell’avanguardia trattata, non devono essere pensate come istinto ma come consapevolezza, come controllo», spiega il Conte. E il corpo, soggetto e oggetto di provocazione, è il protagonista assoluto nell’analisi del teorico. È antidoto al declino, è trasgressione delle convinzioni in materia d’espressione artistica.

«L'elemento trasgressivo oggi è divenuto ormai un motore di tutta l'industria culturale, per cui un uomo contemporaneo rischia di smarrire la propria fisionomia». Vivere senza il pregiudizio del corpo è il monito di Pulsional gender art alle giovani generazioni.

Frequentatore assiduo delle ultime tendenze d’arte contemporanea e attento ai nuovi mezzi di trasmissione della stessa, soprattutto fra i giovani, confida: «I ragazzi di oggi cercano l’arte nella crisi del mercato e soprattutto dei mercati. Per loro i musei sono i luoghi della musica, i pub, la Rete, la strada, il live, lo streaming. Ed è proprio qui che il Pulsional si mostra, è qui che ogni cosa diventa rumore pulsionale», aggiunge il filosofo Carmelo Strano. «Del resto l’arte deve essere fatta di soggetti attenti a cosa accade nella realtà. L’artista non deve stare sulla torre d’avorio ma sulla torretta di controllo», conclude Vitaldo Conte.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×