Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Zona arancione, Iene sorprendono giudice Sarpietro a pranzo
«Mi hanno fatto una cortesia. Non è niente di drammatico»

Il giudice di Catania il 28 gennaio si trovava in trasferta a Roma per sentire l'allora presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Il 19 febbraio dovrà decidere se processare Matteo Salvini nell'ambito della vicenda della nave Gregoretti

Redazione

«Sono qui con mia figlia, l'unico posto in cui potevamo stare tranquilli». Sono le parole con cui il giudice Nunzio Sarpietro si è giustificato davanti agli inviati della trasmissione di Italia 1 le Iene lo scorso 28 gennaio. Giorno in cui è stato sorpreso a pranzo in un ristorante di Roma nonostante l'attività avrebbe dovuto essere inaccessibile al pubblico in virtù della fascia di rischio Covid arancione. Il servizio di Filippo Roma e Marco Occhipinti andrà in onda stasera in prima serata (guarda l'anteprima).

Sarpietro, oltre a essere il capo dell'ufficio gip del tribunale di Catania, è il giudice chiamato a decidere sul caso Gregoretti, vicenda che vede indagato l'ex ministro dell'Interno Matteo Salvini. Il 28 gennaio il togato si trovava per questo motivo a Roma, in piena crisi di governo, per sentire l'allora presidente del consiglio dei ministri Giuseppe Conte. Il giudice aveva trascorso la mattinata a palazzo Chigi, salvo poi spostarsi a pranzo fino a via Valenziani, nei pressi di porta Pia. Obiettivo mangiare qualcosa nel ristorante Chinappi, tra i più noti di Roma quando si tratta di pesce. 

Il giudice, dopo essere stato sorpreso dall'inviato della trasmissione, in un primo momento aveva dichiarato di non trovare il proprio un comportamento grave. Quando la Iena lo ha incalzato ha ammesso la violazione, «non di una legge, ma di un regolamento», sottolineando di avere tenuto comunque un comportamento sicuro e affermando di essere disposto a pagare una sanzione per un pranzo frugale: «Guardi c’è solo un goccino di vino e tre piatti freddi».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×