Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Etna, ancora possibili eruzioni nei prossimi giorni
«Non si aveva un fenomeno così violento dal 2015»

Quella di oggi pomeriggio è stata un'attività spettacolare, favorita dal vento, ma non rara. «Portata di lava importante», spiega a MeridioNews Carmelo Ferlito (Unict). «Attenzione per strada», avverte Boris Behncke (Ingv)

Carmelo Lombardo

Foto di: sebastiano gulisano

Foto di: sebastiano gulisano

Un tipico parossismo dell'Etna, dovuto a una normale attività del vulcano. Sono queste le prime impressioni degli esperti sulla spettacolare eruzione avvenuta nel pomeriggio, che ha sorpreso gli abitanti delle città pedemontane. Raggiunto da MeridioNews il ricercatore dell'Ingv Boris Behncke spiega come quello accaduto sia un fenomeno che si manifesta non di rado. «C'è stato un aumento di attività esplosiva - afferma - Questo ha fatto aumentare il materiale depositato sulle pareti del vulcano e ciò ha favorito il collasso di una pareteUn episodio così violento non lo avevamo da dicembre 2015».  Di questi parossismi negli anni Duemila se ne sono registrati circa cinquanta. Così come altrettanti fra il 2011 e 2013. 

E se tanti cittadini hanno assistito alla nuova eruzione con preoccupazione, Behncke rassicura: «L'unica cosa che dobbiamo fare è fare attenzione in strada, quindi pulire l'asfalto. Questi sono fenomeni che generano lapilli e cenere che respiriamo, oltre a metterci in pericolo quando siamo sui mezzi. Per il resto, non possiamo che goderci lo spettacolo che l'Etna ci offre». Il vulcanologo, da anni in servizio dell'Ingv sull'Etna, va indietro con la memoria al 2013. «Quell'anno a Zafferana, Santa Venerina, Milo e Fornazzo abbiamo raccolto lapilli di oltre 10 centimetri - continua - Mi sento di escludere invece eventuali terremoti, mentre è possibile che altri eventi parossistici si ripresentino nei prossimi giorni».

Dello stesso parere è anche il vulcanologo e docente di Unict Carmelo Ferlito. «Questo pomeriggio abbiamo avuto un'attività intensa nel cratere di Sud Est - osserva l'esperto - La portata di lava è stata importante, ma credo che le colonne di fumo siano state causate dal vento che soffiava verso Catania. Questo ha favorito la caduta di lapilli e la spettacolarità dell'eruzione».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×