Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Piazza Europa senza pace, ancora lavori
Il verde stressato da bici, cani e persone

A poco più di due settimane dall'inaugurazione, dopo una lunga attesa fatta anche di indagini giudiziarie, sono state chiuse alcune parti dello spazio a ridosso del lungomare. Installate le videocamere di sorveglianza dopo alcuni atti vandalici, adesso è il prato ad essere sottoposto a manutenzione dopo le sollecitazioni di quanti vi hanno passeggiato. E l'imprenditrice Lorenza Virlinzi si appella al senso civico dei catanesi: «La piazza è un bene comune da rispettare». Guarda le foto

Redazione

Non c'è pace per piazza Europa. Non sono bastati i tormentati anni dei lavori stoppati dalle vicende giudiziarie - un processo conclusosi con l'assoluzione degli otto imputati - e le perplessità dei cittadini dopo il taglio del nastro. Adesso lo spazio, inaccessibile ai catanesi per sei anni e inaugurato da poco più di due settimane, è in parte transennato per lavori che riguardano il verde e l'installazione di videocamere di sorveglianza che da ieri sono entrate in funzione. Le aree ricoperte di erba hanno subito «un eccessivo stress a causa del calpestio con bici, motorini, skate e animali da passeggio, pertanto i progettisti hanno ritenuto necessario prevedere il posizionamento di supporti rigidi per agevolare il passaggio», ha chiarito l'amministratore delegato della Parcheggio Europa Spa Lorena Virlinzi. Problemi che negli scorsi giorni erano stati già individuati da quanti hanno voluto vedere con i propri occhi il nuovo volto della piazza. La questione è entrata quasi prepotentemente nella campagna elettorale con tutti gli aspiranti sindaco che hanno più o meno detto la propria, così come le associazioni ambientaliste.

Tutti lavori a carico della società, il Comune si occupa esclusivamente della pulizia, tiene a precisare l'imprenditrice del gruppo Virlinzi. Che si appella anche al senso civico dei cittadini: «Nelle scorse settimane abbiamo registrato numerosi atti di vandalismo», denuncia. «La piazza è un bene comune da rispettare». Ma il giudizio lapidario di un anonimo catanese pone ancora sul piatto le critiche: «Sempre minchiata resta».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×