Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Processo Gregoretti, dubbi sulla terzietà del giudice
«Eccessivo valutare in pubblico parole dei testimoni»

«Saremo attenti alla sobrietà del magistrato», ha avvertito l'avvocato Corrado Giuliano dell'associazione AccogliRete che sta valutando di chiedere la ricusazione. Il riferimento è al giudice Sarpietro che definì «ottima» la dichiarazione del premier Conte

Dario De Luca

«Alcune esternazioni ci sono sembrate eccessive rispetto alla terzietà del giudice. Per questo saremo attenti alla sobrietà del magistrato». Comincia con le esternazioni dell'avvocato Corrado Giuliano, dell'associazione AccogliRete, l'udienza per il caso della nave della guardia costiera Bruno Gregoretti. Le parole del legale, pronunciate prima di entrare in udienza, si riferiscono alla posizione del giudice Nunzio Sarpietro che presiede il processo che si svolge all'aula bunker di Bicocca, a Catania, in cui l'ex ministro dell'Interno Matteo Salvini è imputato per sequestro di persona per avere trattenuto a bordo 131 migranti nell'estate 2019, poi sbarcati, dopo diversi giorni, al pontile Nato di Augusta. 

«Non mi riferisco alla vicenda del ristorante», di cui si è occupata la trasmissione Le Iene di Italia 1, che «è un'altra cosa», ma a «quello che è successo nel procedimento» a Roma, durante l'audizione dell'allora premier Giuseppe Conte, durante la quale, ha riferito l'avvocato, «ha parlato anche di Palamara e di un suo fatto personale non pertinente con il processo. E questo - ha sottolineato - non ci convince». 

Alla domanda dei giornalisti se come parte civile stanno pensando a chiedere la ricusazione, l'avvocato Giuliano ha detto di valutare la situazione con attenzione. Dopo l'udienza del 28 gennaio scorso in cui a Palazzo Chigi venne sentito anche l'allora presidente del Consiglio Conte, il giudice si è fermato con i giornalisti bollando come «ottima» la deposizione del premier. Intanto oggi in aula vengono sentiti il ministro degli Esteri Luigi Di Maio e la ministra dell'Interno Luciana Lamorgese. La sua audizione è finita poco prima di mezzogiorno e lei è andata via, usando un'uscita secondaria, senza passare davanti ai giornalisti. Ora è il turno di Luigi Di Maio

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×