Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Ss121, il cavalcavia Graci non dovrà essere demolito
Decisione presa dopo un sopralluogo dei tecnici Anas

I controlli sono stati effettuati nella giornata di ieri e hanno portato a escludere la necessità dell'abbattimento, come invece era accaduto nel 2019 per un altro ponte sulla stessa statale. Incerti i tempi di intervento per la messa in sicurezza

Salvatore Caruso

Non dovrà essere demolito il cavalcavia Graci che si trova sulla statale 121 in contrada Valcorrente, nel territorio di Belpasso. Il ponte era stato danneggiato giovedì mattina da un tir che trasportava un escavatore che aveva colpito una delle travi. I tecnici dell’Anas ieri hanno eseguito un sopralluogo, escludendone l'abbattimento, come invece era stato fatto nel settembre del 2019 per un cavalcavia in una zona compresa tra Motta Santa Anastasia e Misterbianco. Il ponte era stato poi ricostruito in circa un anno. 

Sono, invece, incerti i tempi di intervento per mettere in sicurezza il cavalcavia di contrada Valcorrente. Il traffico veicolare sulla statale 121, dopo il ristringimento dei giorni scorsi, è tornato regolare su entrambe le corsie di marcia in direzione Catania. Intanto la Città metropolitana di Catania, su segnalazione dell'Anas, ha emesso un’ordinanza che ha chiuso totalmente al transito con decorrenza immediata e a tempo indeterminato un tratto della strada provinciale 15, fuori dai centri abitati di Paternò e Belpasso. Il pezzo di strada oggetto d’ordinanza, lungo 100 metri, è all’altezza del ponte Graci danneggiato dall’escavatore. 

Il percorso alternativo prevede il proseguimento della statale fino a Paternò, per poi percorrere le strade provinciali 58 e 135, oppure la 77, per poi ritornare rientrare sulla Sp 15; e viceversa da Paternò direzione Valcorrente.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×