Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Cable Park, procura ordina sequestro di atti al Comune
Nuovo colpo di scena sul progetto del parco acquatico

La polizia giudiziaria si è presentata in via degli Ulivi per acquisire i documenti depositati dalla società che conta di trasformare il terreno abbandonato in un'attrazione. Intanto, il Cga impone al Genio civile del Comune di effettuare il sopralluogo e gli atti necessari

Simone Olivelli

Un colpo di freno ufficiale e poi, di colpo, un'accelerata improvvisa. La vicenda legata al Cable Park di Acireale - progetto partito, poi stoppato dal Comune e che attualmente si trova al centro di un'intricata parentesi giudiziaria nei tribunali amministrativi - ha registrato, negli ultimi giorni, un nuovo colpo di scena. La polizia giudiziaria si è presentata negli uffici di via degli Ulivi, acquisendo la documentazione depositata dalla Wakesurfcenter, la società che contava di trasformare un terreno abbandonato e un tempo sequestrato all'ex padrone di Aligrup Sebastiano Scuto in un'attrattiva quasi unica nel Meridione e capace di portare nel territorio gli specialisti o i semplici appassionati delle acrobazie acquatiche

La notizia trova conferma all'interno dell'ente comunale, anche se al momento non è chiaro cosa di preciso abbia spinto la procura a fare visita al Comune. Certo è che la storia del Cable Park - di cui attualmente resta un bacino pieno di acqua stagnante, tralicci che il Comune pretenderebbe venissero demoliti per poi rimetterli su in seguito a sanatoria e lo scheletro di due strutture che avrebbero dovuto ospitare uffici e spogliatoi - in questi anni, non è passata inosservata. Dalla presentazione in pompa magna ai tempi dell'amministrazione Barbagallo allo stop imposto da vigili urbani e uffici per un presunto abuso edilizio, di cui si è occupata anche la procura etnea, decidendo però di archiviare il fascicolo.

Se questo è ciò che si è mosso, a rallentare è stato l'iter di accertamenti relativi alle opere realizzate dal privato. A predisporli, a dicembre, era stato il Consiglio di giustizia amministrativa, dando incarico al Genio civile di Palermo di occuparsi di effettuare un sopralluogo e le misurazioni del caso. A fine gennaio, però, proprio dagli uffici del capoluogo è arrivata la richiesta di essere esentati dal compito, trasferendo l'incarico ai colleghi del Genio civile di Catania. All'origine della proposta ufficialmente ci sarebbero state le difficoltà legate alla pandemia. Dal Cga, però, è arrivato un secco no, considerato anche il fatto che il Genio civile di Catania è stato coinvolto nell'iter avviato allo sportello unico per le attività produttive di Acireale per ottenere la variante urbanistica richiesta dalla Regione. 

Dal collegio giudicante è arrivata così la concessione di una proroga dei termini per consegnare la relazione: non più questa primavera, ma il 22 dicembre. Con la conseguenza che l'udienza prevista per il 16 giugno - appuntamento atteso da ambedue le parti in causa per capire quale sarà l'epilogo di questa storia - è stata annullata e non si terrà prima del prossimo anno.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×