Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Processo Capuana, tra «cose strane» e versione ritrattata
Un'ex adepta: «Nessuna purezza in quei baci sulla bocca»

Nuova udienza nel procedimento in corso a Bicocca su quanto accaduto all'interno della comunità di Lavina, ad Aci Bonaccorsi. Alla sbarra c'è il santone che avrebbe abusato di tante minori, con la collaborazione di tre donne

Marta Silvestre

«Non c'era purezza in quei baci in bocca». La conferma - semmai ce ne fosse bisogno - che gli abusi sessuali del santone Pietro Capuana non fossero atti purificatori compiuti dalla reincarnazione dell'arcangelo Gabriele, come lui stesso si considerava, è arrivata durante l'udienza di oggi nell'aula bunker di Bicocca. 

A dirlo è stata una donna che ha frequentato la comunità di Lavina, nel territorio di Aci Bonaccorsi, molti anni prima che il santone che l'ha guidata per decenni fosse accusato di avere abusato sessualmente di numerose ragazze, con il supporto di tre donne ritenute sue fiancheggiatrici: Rosaria Giuffrida, Fabiola Raciti e Katia Concetta Scarpignato. Dopo un periodo di incontri e riunioni, la donna si sarebbe allontanata dalla comunità perché «avevo visto cose strane, che non mi convinceva. Innanzitutto, quei baci in cui non ho mai visto nulla di puro». 

Nell'udienza di oggi si è registrata però anche una clamorosa ritrattazione. La nonna di due ragazzine, che hanno frequentato la congrega dell'associazione cattolica Cultura e ambiente, ha ribaltato quanto affermato nel 2017. Poco più di tre anni fa, aveva dichiarato di essere stata «preoccupata» all'epoca per la partecipazione delle proprie nipotine alla comunità laica. Questa mattina, invece, nelle vesti di testimone del pubblico ministero, oltre a sostenere di non avere mai fatto quelle dichiarazioni, la teste ha avanzato l'ipotesi secondo cui i verbali che le hanno fatto firmare all'epoca gli agenti della polizia postale siano falsi. Accuse gravi dopo le quali la procura ha chiesto gli atti per valutare se procedere con le accuse di falsa testimonianza e calunnia nei confronti della nonna.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×