Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Asaec incontra gli studenti del liceo Spedalieri
«L'obiettivo è stimolare la cittadinanza attiva»

Si è concluso il primo ciclo di appuntamento tra l'associazione antiracket etnea e i giovani che frequentano l'istituto scolastico cittadino. «Le parole dei ragazzi dovrebbero alimentare una seria riflessione in chi amministra», dichiara il presidente Nicola Grassi

Redazione

«Aiutare chi ha bisogno». «Valorizzare i quartieri perifici per ridurre la criminalità». Sono soltanto alcuni dei post-it lasciati dagli studenti del liceo classico Nicola Spedalieri a conclusione del ciclo di appuntamenti organizzato dall'istituto e da Asaec Associazione antiestorsione di Catania. L'incontro, che si è tenuto in contemporanea con le classi III e IV C, presso la nuova sede di Asaec e il bene confiscato Il Giardino di Scidà, è servito a riflettere sul tema della cittadinanza attiva. 

I bisogni percepiti dai più giovani comprendono anche il loro coinvolgimento nella vita pubblica, ma anche maggiori controlli nella gestione dei rifiuti. «Le risposte degli studenti, per nulla scontate - ha commentato Nicola Grassi, il presidente di Asaec - dovrebbero indurre a una seria riflessione chi amministra la città, la politica e i rappresentanti delle varie istituzioni. L'amarezza e la delusione che si leggeva in quei foglietti gialli sono sintomi inequivocabili di dolore e rassegnazione che, alla fine del progetto, miriamo a trasformare in determinazione a cambiare le cose».

Il progetto tra il liceo Spedalieri e l’associazione antiestorsione proseguirà nelle prossime settimane. Già il 3 marzo, in collaborazione con la Fondazione Antonio Presti e l’Amt di Catania, studenti e studentesse andranno nel quartiere Librino, dove saranno visitate le opere monumentali (Porta della bellezza, Cantico delle Creature) e i laboratori di ceramica della scuola media Campanella-Sturzo. Il 19 marzo, invece, è previsto un incontro con Claudio Fava, presidente della commissione regionale Antimafia che analizzerà la relazione d'inchiesta sui beni confiscati, e il docente di Unict Maurizio Caserta che esporrà il valore economico-finanziario e sociale di un bene confiscato affidato alle associazioni. Ad aprile, invece, i giovani saranno coinvolti nell'elaborazione di un progetto di riutilizzo di un bene confiscato alla mafia.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×