Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Acireale, passi avanti per la nuova stazione in centro
Vicesindaco: «Avvio dei lavori sarà entro quest'anno»

Il progetto esecutivo è arrivato: per l'opera acese che dovrebbe vedere la luce in centro città si attende solo l'avvio del cantiere. «Siamo soddisfatti. Pensiamo pure a parcheggio intermodale», afferma il vicesindaco Carmelo Grasso

Carmelo Lombardo

La fermata ferroviaria Cappuccini, nel cuore di Acireale, è un sogno destinato a diventare realtà. O almeno così sembra, in virtù degli ultimi aggiornamenti. Rfi (Rete Ferroviaria Italiana), infatti, ha redatto il progetto definito della stazione che dovrà nascere in via Vito D’Anna, nei pressi della strada statale 114, e che sarà collegata al parcheggio di piazza Cappuccini. Adesso, con quest’ultimo passaggio, possono avere inizio le procedure urbanistiche.

Prima, però, il progetto dovrà passare dal l'assessorato regionale per l’Ambiente e il territorio. A confermarlo a MeridioNews è il vicesindaco e assessore ai Lavori pubblici Carmelo Grasso. «Per la realizzazione della fermata sarà necessario reiterare i vincoli di esproprio nella zona – afferma – Il dipartimento detterà le modalità. Dopodiché il Consiglio comunale avrà un massimo di 30 giorni per decidere sulla variante: abbiamo dei margini di tempo precisi. Contiamo di iniziare i lavori entro quest’anno».

Il Comune di Acireale dovrà realizzare l’ingresso della fermata e una bretella di collegamento col parcheggio Cappuccini, dove sarà installato un ascensore. Il costo totale dell’intera opera è di 6 milioni e 600mila euro. Di questi, 5 milioni fanno parte di un finanziamento governativo per l’avanzo di somme relative al raddoppio ferroviario di Palermo. Un milione, invece, sarà il contributo da parte della Regione, mentre il Comune di Acireale parteciperà ai lavori con 600mila euro. «Per i lavori spettanti al Comune a giorni arriverà il progetto di fattibilità tecnico economica – continua Grasso – La fermata Cappuccini per noi è importantissima: un punto di snodo tra la nuova fermata di Fontanarossa, sul versante di Catania e, dall’altro lato, faciliterà il raggiungimento delle stazioni successive a Giarre».

La nuova struttura è una delle iniziative cardini dell’amministrazione pentastellata di Stefano Alì, che dal 2018 è sindaco della città dei cento campanili. Del progetto se ne parla da più di vent’anni, ma solo adesso si sono superate le fasi preliminari. Anche Marco Falcone si è fatto promotore della fermata Cappuccini. Nel 2019 l’assessore regionale alla Mobilità aveva auspicato la fine dei lavori entro i due anni successivi. Tuttavia, almeno per il momento, queste previsioni non sembrano essersi concretizzate. Nel frattempo, parallelamente alla fermata ferroviaria, l’amministrazione Alì sta pensando di realizzare, sempre in zona Cappuccini, un terminal bus sotterraneo a due piani. Quest’ultima opera beneficerà di sette milioni provenienti da un finanziamento europeo. Entrambi i progetti sono seguiti da Carmelo Grasso. Il vicesindaco pochi mesi fa aveva annunciato le sue dimissioni, richiesta che però è stata rigettata dal sindaco. «Io vado avanti su questi obiettivi: siamo soddisfatti – conclude – Avevo contestato le modalità di gestione del personale. Adesso stiamo pensando a una rotazione, che oltretutto richiede anche la legge: stiamo provvedendo all’assunzione di figure qualificate».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×