Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Catania Bene Comune sulle unioni civili
Prove di cerimonia in piazza Castello Ursino

E' solo l'ultima delle provocatorie iniziative della lista in corsa alle prossime elezioni comunali di giugno. Finte unioni, con tanto di rinfresco, per dimostrare quello che è uno dei loro punti del programma: «L'amore è una priorità politica e, qualora vincessimo, dal giorno dopo istituiremo il registro», dice il candidato sindaco Matteo Iannitti. Tra signore che si fanno il segno della croce e chi si commuove. Guarda le foto e ascolta l'intervento audio

Claudia Campese

Tante coppie. Di donne - lei con il pancione e l'altra con il velo -, di uomini - i più eleganti - e miste. Persino un terzetto. Unioni vere e d'occasione, ma tutte con un unico obiettivo: Mi vogghiu maritari. E' solo l'ultima delle provocazioni della lista civica in corsa alle prossime elezioni comunali di giugno Catania Bene Comune, questa volta per sollevare il tema delle unioni civili, sia etero che omosessuali. In piazza Castello Ursino, ieri pomeriggio, era tutto pronto. Marcia nunziale, macchina degli sposi con il velo sull'antenna, bomboniere e rinfresco. E ovviamente il colorato registro delle unioni civili, su cui firmare alla fine della cerimonia officiata dal candidato sindaco Matteo Iannitti, «orgogliosissimo di indossare questa fascia arcobaleno».

Un modo leggero per affrontare uno dei punti del programma della lista. «In una città abbandonata, senza lavoro e con tanti disagi, si fa l'errore di scordarsi che ci sono delle cose ce si possono fare e possono davvero migliorare la vita di tante e tanti», spiega Iannitti. Che promette, in caso di vittoria, di istituire il registro all'indomani delle elezioni. Ma l'iniziativa non vuole avere solo un colore politico. E lo spiega chiaramente il giovane candidato nel suo discorso introduttivo alla cerimonia, tra chi sorride e chi si commuove: «L'amore è una priorità politica. E una delle più belle cose che può fare la politica è riparare alle storture che i sistemi si danno». Come vietare ad alcuni cittadini «una vita felice e libera» in base ai propri orientamenti sessuali.

Ascolta il discorso del candidato sindaco Matteo Iannitti sulle unioni civili

Una possibilità che Catania Bene Comune si promette di creare in una città che ancora forse non è del tutto pronta. Durante la cerimonia, due signore del quartiere si avvicinano incuriosite. Sorridono e applaudono quando ad avvicinarsi per lo scambio degli anelli e la firma di rito sono le coppie eterosessuali. Ma quando tocca a due ragazze, le facce si fanno perplesse. Una delle due donne ripete il segno della croce. «Signora, non si preoccupi, è una finta», risponde sospirando Sara Crescimone, storica attivista Glbt. Mentre a turbare di più l'altra signora presente è l'unione di un terzetto. «Bedda, ma quanti ni voi?», chiede ridendo, ma un po' confusa, a una delle due spose.

Dopo il lancio del riso e qualche bacio, è lo stesso candidato sindaco a richiedere, se non proprio una cerimonia, almeno una foto con la fidanzata storica Fausta Lamonica, già soprannominata «la first lady». Ma prima di dare il via al rinfresco, con tanto di torte nunziali e spumante, Iannitti conclude: «Ci divertiamo, ma siamo arrabbiati. Perché queste cose non si dovrebbero fare in piazza, ma in Comune. In un Comune come le unioni che stiamo celebrando oggi: civile».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×