Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Critica Musumeci e Udc chiede espulsione del coordinatore
«Prendo atto che non si può contestare presidente Regione»

Quelle di Giuseppe Di Mulo nei confronti del governatore della Regione siciliana sarebbero state parole di troppo. Così è arrivata la richiesta che vede tra i firmatari anche l'assessore alle Attività produttive Mimmo Turano

Carmelo Lombardo

«Mi vogliono sollevare dall'incarico? Credo sia una meschinità. Che non si scomodassero: se necessario, farò io stesso un passo indietro». Giuseppe Di Mulo, coordinatore dell'Udc di Bronte, ai microfoni di MeridioNews non lascia spazio a fraintendimenti. E con queste parole manifesta il suo rammarico dopo avere saputo del comunicato firmato dall'assessore regionale Mimmo Turano e dai deputati all'Ars Eleonora Lo Curto e Giovanni Bulla. I quali, proprio in questi minuti, hanno invitato la segreteria regionale del partito a espellere Di Mulo dall'incarico. Il motivo? Avere contestato le parole pronunciate dal presidente Nello Musumeci in occasione dell'inaugurazione del pronto soccorso di Bronte, avvenuta nei giorni scorsi.

«Non è né ragionevole, né ammissibile che un rappresentante dell’Udc manifesti astiosità nei confronti del presidente della Regione - scrivono i due onorevoli regionali - ll nostro partito sostiene Musumeci ai massimi livelli con un’alleanza di governo salda che, tra l’altro, ci fa esprimere due assessori nella giunta siciliana  Le vicende politiche locali di cui parla Di Mulo sono state interpretate dallo stesso in maniera parziale e preconcetta».

Con un passato da ex assessore a sostegno del dem Graziano Calanna, oggi Di Mulo e l'Udc brontese fanno opposizione da fuori il Consiglio comunale all'amministrazione di centrodestra guidata da Pino Firrarello. Uno scenario politico differente, quello della città etnea, rispetto all'alleanza che si è concretizzata al governo regionale, dove l'Udc amministra insieme a Musumeci, a sostegno della coalizione di centrodestra

«Due giorni fa il presidente Nello Musumeci è venuto a Bronte per inaugurare il Pronto soccorso - spiega Di Mulo - In quell'occasione ha usato delle parole molto dure nei confronti della precedente amministrazione dell'ex primo cittadino Graziano Calanna, commettendo una vera e propria caduta di stile. Così ho deciso di scrivere una lettera in cui ho contestato alcune espressioni che avevano un tono da campagna elettorale». Nel suo esposto Di Mulo sottolinea alcune promesse che non sarebbero state mantenute dal governatore siciliano: su tutte la posizione poco chiara sulle province e la responsabilità di non aver bandito concorsi per il personale sanitario

«Sono sorpreso dal metodo - spiega - che mi ricorda quello che siamo abituati a vedere con i Cinque Stelle - conclude Di Mulo - Se adesso non può nemmeno contestare ne prendo atto: in ogni caso, sono sicuro che, se mi dimettessi, i miei amici di partito mi seguirebbero e scomparirebbe l'Udc a Bronte». L'avvertimento è lanciato.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×