Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

La nuova casacca di Alessandro Porto è della Lega
La carriera: dall'Mpa all'Udc, da Bianco a Forza Italia

L'assessore comunale catanese indossa la maglia dell'ennesimo partito. Ripercorrere il suo curriculum politico è un po' come sfogliare un album. Con tanto di citazioni indesiderate da parte di un collaboratore di giustizia

Simone Olivelli

La collezione di casacche per Alessandro Porto prosegue. L'assessore catanese approda - quanto sarà lunga la sosta lo si vedrà - nella Lega, assumendo il ruolo di coordinatore politico in provincia di Catania e portando così a due i posti gli esponenti del Carroccio nella giunta Pogliese. Il neoleghista condividerà il proprio ruolo con Anastasio Carrà, sindaco di Motta. «Con le sue deleghe alla Protezione Civile, ha dato prova di eccellenti capacità gestionali delle emergenze e la sua scelta è motivo di soddisfazione ed orgoglio», si legge in una nota della segreteria siciliana della Lega. L'annuncio è arrivato nella giornata in cui ad arrivare a Catania - per presentarsi davanti al giudice chiamato a esprimersi sulla richiesta di processarlo per sequestro di persona - è stato Matteo Salvini.

Ripercorrere la carriera politica di Porto è un po' come mettersi in un frullatore e abbandonarsi alla forza centripeta. Consigliere comunale dell'Mpa di Raffaele Lombardo, è stato capogruppo di Con Bianco per Catania, ma anche candidato alle Regionali con Forza Italia e commissario provinciale Udc. Adesso è leghista. L'attitudine eclettica portò poco più di tre anni fa - mancavano poche settimane alle elezioni regionali - ad annunciare, con tanto di manifesti ma senza simboli di partito, il proprio sostegno al candidato presidente del centrosinistra Fabrizio Micari, salvo poi fare l'ennesima giravolta e trovare un posticino tra le fila della coalizione che ha portato Nello Musumeci a palazzo d'Orleans. Alla fine, tuttavia, l'attuale assessore di Catania non riuscì a essere eletto, dovendosi accontentare di un posto nel gabinetto dell'assessore Mimmo Turano. 

A parlare di lui, ma sulla vicenda non ci sono stati ulteriori riscontri, è stato anche anche il collaboratore di giustizia Gaetano D'Aquino, nel corso del processo per concorso esterno a Raffaele Lombardo.  L'ex boss ha dichiarato di averlo incontrato anche durante una riunione elettorale in un bar della zona Vulcania, ma Porto davanti al giudice ha negato la circostanza e promesso querele. Fatti tuttavia che gli valsero la citazione da parte della commissione regionale Antimafia dell'era Crocetta, quando a guidarla c'era proprio Musumeci.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×